Passa ai contenuti principali

150 ARTISTI PER 150 ANNI - IL CHARLESTON!!!!!!

Sembra che per motivi legati alla SIAE non riusciamo ad esibirci.....
mi spiace molto ma mi trovo a cancellare l'evento!
Rimane però il sottofondo storico che mi piace tanto!!!!!!!!!!!!!!!

E DALL'AMERICA ARRIVA IL CHARLESTON...

La musica Jazz e in particolare il Charleston, ballo che negli anni venti spopola in America,  arriva in Italia dopo la prima guerra mondiale e costituisce di fatto una rivoluzione del costume femminile.

L’America aveva iniziato a costituire un riferimento per l’Europa non solo di progresso economico  ma anche di progresso sociale, inteso in termini di  democrazia e di emancipazione.

Il jazz, i whisky e il charleston divennero sinonimo di  progresso.



Mentre in America gli “anni folli” delle flappers spopolarono  nel periodo tra fa fine della guerra al crollo della borsa del ‘29, in Italia il jazz e il charleston vennero suonati e ballati  fino a che 

le leggi razziali nel quaranta non lo misero definitivamente al bando.


Chi erano le flappers? Le ‘maschiette italiane’ (la Garçonne di Coco Chanel) si truccavano vistosamente, fumavano e flirtavano apertamente in pubblico, uscivano di casa , guidavano bicicletta ed automobile ed entravano sole nei locali pubblici.
Le gonne si accorciano, i busti troppo stretti sono eliminati e il nuovo modello femminile è una ragazza magra, sportiva, un po’ androgina,  con i capelli cortissimi.


Italia la moda delle flappers  approda principalmente tramite la filmografia più a buon mercato del grammofono e dei teatri.


Nonostante e forse a ragione della preoccupazione che avevano ad uscire dai vecchi ruoli, le flappers non erano impegnate politicamente. Infatti, le suffragette, che combattevano per il diritto di voto alle donne, vedevano le flappers come “insulse”, in qualche modo, non meritevoli della battaglia per cui loro lottavano tanto duramente.  Ciò nonostante il loro atteggiamento costituisce la diretta conseguenza sul costume della richiesta di indipendenza della donna che durante la guerra aveva dovuto assumere ruoli di responsabilità ai quali non voleva più rinunciare.

Il Charleston è  un ballo di origine afroamericana, nato come ballo di stradadi strada e non strutturato, molto distante dai balli conosciuti fino ad allora, di matrice europea, impostati su un rigido controllo da parte del partner sulla dama. I movimenti sconnessi e aperti, quasi antiestetici, dissolvono la coppia e di per sé costituirono un fatto scandaloso che scosse l’opinione pubblica puritana e conformista.

E forse per questo la canzone Lola, versione italiana di “That’s my baby” di George White rispecchia bene il clima italiano, dove il Charleston viene considerato una epidemia più pericolosa  della spagnola (l’epidemia influenzale che di vastissime proporzioni che investì l’Europa durante e dopo la prima guerra mondiale.


Lola, sai non è una fola,

dopo la "Spagnola"
viene il Charleston.













Commenti

Post popolari in questo blog

SCARPE DA SWING - MILANO

Riprendendo le indicazioni date a lezione, molto dipende dalle condizioni del pavimento, alla quantità di umidità e dalle evoluzioni che siete soliti fare ...
...ma in generale consiglio di usare scarpe con una suola che non faccia attrito. Importante non solo per muoversi agevolmente ma anche per evitare pericolose distorsioni; lo stesso vale per la forma e l'altezza del tacco e del decolté. A tutti consiglio scarpe ben salde con tacco medio o basso con un appoggio solido!
Quali sono le scarpe più adatte come suola:
quelle con il cuoio, quelle con la BUFALINA (specie di camoscio che il calzolaio vi può incollare sulla suola purché liscia) e quelle molto consumate!
Molti usano delle semplici sneakers, di diverse marche, ma più o meno lo stesso modello, che vedete sotto; anche queste meglio se hanno la suola ben consumata o la bufalina attaccata sotto.
In particolare le KEDS (sembra indossate dagli stessi Lindy Hoppers originali) sono le più conosciute. Io mi trovo bene anche con L…

SHIM SHAM

Per chi si affacciasse ora sul piccolo grande modo degli swingers, un piccolo riassunto su una coreografia importante: lo shim sham.



Lo shim sham è un ballo in linea che ci riporta alla radici del ballo swing. Infatti sembra che lo Shimmy fosse una danza del 1920, che assomigliava alla Rumba spagnola, dove ci si muoveva come avendo della gelatina sotto i piedi. Fu reso popolare da Gilda Grey che lo ballò nel 1922 nelle Ziegfield Follies di Brodway.

Proveniva dai Vaudeville, cioè dagli spettacoli teatrali di “varietà” urbani dei primi del 900; in queste occasioni veniva ballato associando diverse sequenze, ma senza ordine predefinito.

Fu merito di Willie Bryant e Leonard Reed, ballerini di Tap Dance, che lo adattarono a uno spettacolo verso la fine del 1900 e crearono la forma coreografica che esiste tutt’ora.. Inizialmente lo Shim Sham poteva essere ballato da solo o in coppia, e quando si faceva in gruppo i ballerini erano uniti per le braccia.

Essendo una coreografia di Tap Dance, venn…

DRESS CODE A TEMA

La frase "Dress code consigliato" compare spesso in calce agli inviti legati al mondo dello swing, del jazz o del rock and roll.
Il linguaggio dell'abito è sempre stato importante e conoscerlo aiuta. Ma qual è il codice adatto? E quali sono gli errori più comuni?

Qualche consiglio per i neofiti.

Potremmo iniziare a capire la tipologia di evento.
E' un ritrovo sociale, con  spettacoli, animazione o mostre o è un ritrovo di ballerini?
E comunque l'evento a che decade fa riferimento? Anni Venti, Trenta, Quaranta o Cinquanta?

Molto si può capire dalla tipologia di flyer.
Se  il nome della band o del Dj è ben evidenziato e centrale, l'evento è quasi certamente legato al social dance.

Ora analizziamolo più da vicino.
Se compaiono parole come crazy, diner, driver, Rock'n'Roll, fifties, pin-up o immagini di jeans con risvolti, bandane colorate e forme procaci siamo di fronte a un evento a tema Anni Cinquanta.





Probabilmente si ballerà jive o boogie woogie, o in alcune oc…