Passa ai contenuti principali

UN BUON MODO DI AFFRONTARE LA SCENA

COME FAR CRESCERE LA PROPRIA SCENA - traduzione di un articolo di Jamin Jackson
pubblicata da Silvia Palazzolo il giorno venerdì 20 luglio 2012 alle ore 18.24 ·

Amici,
ho deciso di postare la traduzione di questo articolo di Jamin Jackson - con il suo permesso - perchè credo che il suo contenuto sia più che mai valido ed utile, soprattutto per noi Italiani.
Spero che sia fonte d'ispirazione per tutti voi come lo è stato per noi.
Grazie!

"La maggior parte dell più nuove comunità di Lindy Hop, sarebbe ben felice di avere almeno da 70 a 100 persone che frequentassero le proprie serate di ballo settimanali con continuità. Noi ci riusciamo. Dal momento che io viaggio molto, molte persone condividono con me i motivi per cui la loro scena è apparentemente, ed in via assoluta ed esclusiva, immune allo sviluppo ed al successo. "E' difficile far crescere la mia scena" "Non abbiamo abbastanza allievi giovani" "Siamo una piccola città" "Non ci sono ballerini di Lindy Hop" e così via.

Perchè alcune scene crescono più velocemente di altre? Non conosco tutte le risposte ma so quello che funziona qui a Tulsa, Oklahoma, e voglio condividere con voi questi concetti per il miglioramnento della vostra comunità di ballo. Spero che questo articolo via dia una nuova prospettiva che vi aiuti a prendere iniziative per far crescere la vostra scena. Buona lettura!

New blood is the life blood! Il sangue nuovo è il sangue della vita!

I nuovi ballerini che arrivano ad una serata di ballo, portano con sè tantissimo potenziale: infatti essi sono il futuro garantito del ballo. Sono eccitati, nervosi, ed al lvello massimo d'ansia perchè la loro conoscenza nel campo del ballo tende ad essere scarsa.

Sono super sensibili al sentirsi isolati e privi di fiducia in sè. Tendono a venire alle feste con altra gente, e normalmente decideranno se tornare oppure no solo se si sentiranno parte della serata e si divertiranno entro la prima mezz'ora.

Se ritoneranno, e se sono come la maggior parte della gente che vedendo un buon film o andando ad un eccellente ristorante, sparge la voce, ritorneranno soli oppure porteranno con sè altra gente. Noi a Tulsa siamo estremamente sensibili a questi bisogni, che si possono facilmente intuire negli altri, e siamo anche molto centrati sugli altri alle nostre feste.

One and Three rule - la regola dell'Uno e del Tre

Un modo semplice che abbiamo per aiutare la gente nuova, è di ballare avendo in testa i principi dell'"uno e del tre". La regola dell'uno e del tre riguarda i ballerini che hanno più doti in pista e sanno come condurre un ballo. Per ogni ballo divertente che si concedono, devono trovare, in cambio 3 persone che hanno un livello più basso del loro e farle ballare. E' tutto qui.

Nn è facile, ed a volte può essere noioso, ma è un ottimo investimento se si guarda alla longevità del ballo, coinvolgendo nuova gente in maniera attiva sulla pista da ballo. Io personalmente ho il mio obiettivo, ovvero ballare con quante più principianti possibili nella prima ora della serata, perchè non sanno ancora chi sono e si divertiranno.

Solo dopo, vado a cercare ballerine a mio livello e balleremo come facciamo di solito. Questo farà sentire ogni nuova ballerina al settimo cielo, semplicemente perchè hai ballato con lei mettendoti al suo livello ed il tuo ballo la ispirerà, così come il tuo desiderio di ballare con lei prima che con altre. I nuovi arrivati si sentiranno molto a proprio agio quando ti dovranno chiedere di ballare, se lavorerai in pista in questo modo.

COn tua grande sorpresa, avrete in cambio persone che torneranno alle vostre serate semplicemente perchè siste simpatici e gentili oltre che bravi ballerini, e perchè le avrete cercate nonostante il loro livello di ballo.

Il prossimo principio, aggiungerà ancora più benzina al fuoco.

Complements - i complimenti

Dal momento che siete dei bravi ballerini, avete un'influenza sulle persone nuove arrivate, ben superiore a quella che potete immaginare. La parole negative hanno così tanto potere sulla gente, ma quelle positive durano ancora di più, se sono sincere.

Dopo ogni ballo, incoraggiamo tutti i nostri ballerini più avanzati a complimentarsi con la persona con cui hanno ballato. Essere sinceri e genuini è l'idea di base, La gente capirà se non siete sinceri, per cui cercate di focalizzarvi su di loro quando ballate.

Incoraggiateli, sorridete, e cerate una cosa postiva da dire loro per aiutarli a sviluppare le fiducia in se stessi. Un complimento puà essere un semplice "grazie per aver ballato con me"

Questi principio è un must, se volete che la gente torni con altri balelerini felici di ballare. Se farete questo in maniera corretta, i nuovi arrivati VORRRANNO migliorare e cercheranno il vostro consiglio su come farlo.

Be a connector - unite la gente
Una della cose più belle dell'essere l'anello di congiunzione tra i nuovi ballerini ed il divertimento, è che loro collegano le loro esperienze positive alle persone. In molti casi, i ballerini torneranno se quella persona in particolare che li ha fatti sentire parte del gruppo, sarà presente.

La maggior parte delle volte io Mi metto in contatto con la persona o su facebook o in altri modi, e scrivo proprio a lei dopo la serata, per ringraziarla di aver partecipato. Molti di noi già lo fanno, ma in molti casi ringraziamo le persone sbagliate e dovremmo invece ringraziare quelli che saranno le rock stars e gli insegnanti di Lindy Hop DEL FUTURO.

Non saprete mai chi potrebbero essere. Un'altra cosa che noi facciamo è presentare i principianti con cui balliamo ad altri ballerini di un livello superiore al loro. Questo li metterà in contatto con persone come voi ed accrescerà le loro possibilità di avere ulteriori esperienze positive.

Questo aiuterà anche i vostri migliori ballerini a mantenere la giusta prospettiva.

In Conclusione


Molti di voi penseranno che questi principi siano un'esagerazione, perchè non corrispondono a quello che siete abituati a fare per natura. Ma ricordate che ogni cosa comincia in piccolo. Dovete sviluppare le abitudini che vi servono invece di quelle inutili. Se volete avere sempre ballerini presenti alle serate della vostra scena locale queste idee sono dei must.

Saprete che funziona, non in base a quante persone verranno, ma in base a quante ritorneranno. E'a questo punto che la vostra comunità inizierà a vincere. Tutto si raddoppierà, nel bene e nel male. Il vostro compito è che le cose positive superino quelle negative. Investire in questa filosofia, tanto quanto nel ballo stesso, creerà le basi per costruire scene durevoli.

Iniziate a pensare, prima di tutto, che ogni cosa che vi piace e che nn vi piace della vostra scena, può essere cambiata, e che tutto comincia da voi. Se una situazione si può modificare, non serve agitarsi, se non si può modificare, non serve agitarsi! In entrambi i casi dovete adeguarvi e vedere il problema come un'opportunità e lasciare che questa filosofia cambi l'atteggiamento con cui fate le cose.

Quando avrete fatto vostra questa realtà, avrete nuove abitudini che vi serviranno e lascerete perdere quelle inutili. Queste sono molte delle cose che abbiamo fatto per stabilire delle priorità nella crescita della nostra scena locale. Questo non implica ignorare tutti gli altri, ma vi suggeriamo di modificare la vostra prospettiva per riconoscere quelle persone nuove che potrebbero far crescere il livello delle vostre serate, in futuro.

Non saprete mai chi incontrerete, se non sviluppate l'abitudine di essere predisposti verso gli altri. Io incontro e lavoro continuamente con persone che non conosco quando visito paesi in tutto il mondo, ed, ogni tanto, incontro delle rock star travestite da persone semplici. Ci può essere un futuro gran ballerino dietro ognuna delle facce nuove che incontrate!"


Jamin Jackson

Commenti

Post popolari in questo blog

SCARPE DA SWING - MILANO

Riprendendo le indicazioni date a lezione, molto dipende dalle condizioni del pavimento, alla quantità di umidità e dalle evoluzioni che siete soliti fare ...
...ma in generale consiglio di usare scarpe con una suola che non faccia attrito. Importante non solo per muoversi agevolmente ma anche per evitare pericolose distorsioni; lo stesso vale per la forma e l'altezza del tacco e del decolté. A tutti consiglio scarpe ben salde con tacco medio o basso con un appoggio solido!
Quali sono le scarpe più adatte come suola:
quelle con il cuoio, quelle con la BUFALINA (specie di camoscio che il calzolaio vi può incollare sulla suola purché liscia) e quelle molto consumate!
Molti usano delle semplici sneakers, di diverse marche, ma più o meno lo stesso modello, che vedete sotto; anche queste meglio se hanno la suola ben consumata o la bufalina attaccata sotto.
In particolare le KEDS (sembra indossate dagli stessi Lindy Hoppers originali) sono le più conosciute. Io mi trovo bene anche con L…

DRESS CODE A TEMA

La frase "Dress code consigliato" compare spesso in calce agli inviti legati al mondo dello swing, del jazz o del rock and roll.
Il linguaggio dell'abito è sempre stato importante e conoscerlo aiuta. Ma qual è il codice adatto? E quali sono gli errori più comuni?

Qualche consiglio per i neofiti.

Potremmo iniziare a capire la tipologia di evento.
E' un ritrovo sociale, con  spettacoli, animazione o mostre o è un ritrovo di ballerini?
E comunque l'evento a che decade fa riferimento? Anni Venti, Trenta, Quaranta o Cinquanta?

Molto si può capire dalla tipologia di flyer.
Se  il nome della band o del Dj è ben evidenziato e centrale, l'evento è quasi certamente legato al social dance.

Ora analizziamolo più da vicino.
Se compaiono parole come crazy, diner, driver, Rock'n'Roll, fifties, pin-up o immagini di jeans con risvolti, bandane colorate e forme procaci siamo di fronte a un evento a tema Anni Cinquanta.





Probabilmente si ballerà jive o boogie woogie, o in alcune oc…

SHIM SHAM

Per chi si affacciasse ora sul piccolo grande modo degli swingers, un piccolo riassunto su una coreografia importante: lo shim sham.



Lo shim sham è un ballo in linea che ci riporta alla radici del ballo swing. Infatti sembra che lo Shimmy fosse una danza del 1920, che assomigliava alla Rumba spagnola, dove ci si muoveva come avendo della gelatina sotto i piedi. Fu reso popolare da Gilda Grey che lo ballò nel 1922 nelle Ziegfield Follies di Brodway.

Proveniva dai Vaudeville, cioè dagli spettacoli teatrali di “varietà” urbani dei primi del 900; in queste occasioni veniva ballato associando diverse sequenze, ma senza ordine predefinito.

Fu merito di Willie Bryant e Leonard Reed, ballerini di Tap Dance, che lo adattarono a uno spettacolo verso la fine del 1900 e crearono la forma coreografica che esiste tutt’ora.. Inizialmente lo Shim Sham poteva essere ballato da solo o in coppia, e quando si faceva in gruppo i ballerini erano uniti per le braccia.

Essendo una coreografia di Tap Dance, venn…