martedì 3 settembre 2013

COME IL BALLO MI HA CAMBIATO LA VITA!




Raffaella P., 5 settembre 2013

Mi ha fatto ricordare quanto è bello aver fiducia negli altri e, nei momenti di grazia, 
mi fa sentire "a tempo" con la vita e il resto del mondo.




Francesca Matilde D.G., 5 settembre 2013

Cercavo una rivincita personale per chiudere col passato. 
Invece ho trovato una porta aperta su un nuovo mondo... E sul mio futuro!


Michele L., 3 settembre 2013

...come tutte le cose che , inaspettatamente, 
arrivano nella tua vita e te la cambiano.....questo avviene SOLO perchè sei tu che in quel momento accetti incosciamente di cambiare ...
e quindi diventa automaticamente positivo...
E quello che è successo a me col ballo....!!!


Raffaella S., 3 settembre 2013

Mi fa stare bene, improvvisamente i problemi e la stanchezza scompaiono e sono felice, mi da una gioia immensa, i piedi si muovono da soli, il corpo in attesa si prepara e dondola al ritmo della musica, lo sento questo ritmo e non posso più stare ferma, mi diverto, rido per i piccoli miglioramenti o per un passo, solo un passo che ci viene bene, rido quando la velocità è troppa e non riesco più a starci dietro, non mi fermerei mai…non ho male al ginocchio, mi sento fisicamente meglio, sono un po’ dimagrita, sono tornata a tagliare i capelli.. forse...forse.. riprenderò a mettere delle gonne...


Silvia G., 2 settembre 2013

Mi è venuto il gusto di sentirmi più femminile, di mettermi gonne svolazzanti, 
vestitini. e piccoli particolari romantici.


Christian T.,  1 settembre 2013


"... semplicemente in meglio"



Pietro S., 1 settembre 2013

E' vivere la musica in 3D. Prima la ascoltavo semplicemente. 
Ora nel contempo ascolto, ballo e suono.


Federica M., 17 luglio 2013

me ne sono innamorata in una sera valenciana di fine settembre. eravamo nella scuola spirit of st. louis tra birra e cuba libre e a me si sono sgranati gli occhi. avevo appena scoperto il lindy hop - e lui aveva scoperto me. 
l'ho visto ballare in piena notte sul marciapiede, con la musica dell'autoradio che usciva dalle portiere aperte. in un locale semi-chiuso e poco affidabile. 
al parco del turia sotto al ponte di calatrava. 
e poi mi sono messa a ballarlo anch'io, il lindy hop. che poi altro non è quel che si balla sullo swing, sulle note degli anni 30 e 40, a cavallo tra charleston e jazz. 
e niente: il lindy hop mi rende felice. mi fa sorridere, sudare, divertire. mi riempie il cuore. sono diventata swing-dipendente. farei solo quello. ballo alla fermata dell'autobus, in ascensore, sulla metro. ballo sul balcone, alle serate, al corso. e non vedo l'ora di ballare all'aperto.


---