Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Luglio, 2014

Il Charleston

Il Charleston è uno stile musicale jazzistico risalente agli anni venti; trova il suo apice negli anni appena prima della grande depressione americana e finisce subito dopo il crollo della borsa del ’29. Partecipa all'evoluzione del rag time e del jazz, che nacquero e si diffusero già dalla fine dell’Ottocento e culminando in quella che venne definita “l’età del Jazz”.

Per tutti ascoltiamo The Charleston di James P. Johnson del 1925 (nell'immagine di copertina Josephine Baker).



Il momento d'oro del Charleston bruciò e finì presto, ma sia la sua musica che il ballo associato, attraversarono la storia ed è tuttora (un po’ come il twist) conosciuto da tutte le generazioni del continente sia europeo che americano.


Per chi vuole imparare da solo: 6 lezioni di charleston!
Oltre al ballo Charleston che si abbina alla musica, negli anni venti si ballavano sugli stessi ritmi, altre danze simili, come lo Shimmy e il Black Bottom, che avevano come caratteristica la  posizione …

SHIM SHAM

Per chi si affacciasse ora sul piccolo grande modo degli swingers, un piccolo riassunto su una coreografia importante: lo shim sham.



Lo shim sham è un ballo in linea che ci riporta alla radici del ballo swing. Infatti sembra che lo Shimmy fosse una danza del 1920, che assomigliava alla Rumba spagnola, dove ci si muoveva come avendo della gelatina sotto i piedi. Fu reso popolare da Gilda Grey che lo ballò nel 1922 nelle Ziegfield Follies di Brodway.

Proveniva dai Vaudeville, cioè dagli spettacoli teatrali di “varietà” urbani dei primi del 900; in queste occasioni veniva ballato associando diverse sequenze, ma senza ordine predefinito.

Fu merito di Willie Bryant e Leonard Reed, ballerini di Tap Dance, che lo adattarono a uno spettacolo verso la fine del 1900 e crearono la forma coreografica che esiste tutt’ora.. Inizialmente lo Shim Sham poteva essere ballato da solo o in coppia, e quando si faceva in gruppo i ballerini erano uniti per le braccia.

Essendo una coreografia di Tap Dance, venn…

BALERA DELL'ORTICA

Le origini di questo locale milanese, la Balera dell'Ortica,  sono da ricercare nella vecchia  stazione di Lambrate che risale al 1873. La stazione, ovviamente inutilizzata, è ancor oggi esistente, a lato del Cavalcavia Buccari.




Il Fabbricato Viaggiatori era utilizzato anche come Circolo Ricreativo, o Dopo Lavoro Ferroviario.

Il  Dopo Lavoro Ferroviario era un luogo di aggregazione, non solo per i dipendenti delle ferrovie:  luogo di ballo per i cittadini, bocciofila, spazio sociale. Si ballava esclusivamente il liscio. Le bocciofile erano uno degli elementi attorno a cui girava la socialità urbana.


Dopo 15 anni di silenzio nel 2012 grazie alla famiglia Di Furia, che prende in gestione gli spazi, la Balera riapre i cancelli.





Il ballo è il filo conduttore, rispettando la bocciofila interna e l'idea del Circolo.  La novità è la trattoria, gestita da mamma Rita Di Furia.

Le sorelle Marina e Veronica Di Furia intraprendono iniziative giovanili come il Garage Market.
Tali iniziative, più …