Passa ai contenuti principali

SCARPE DA SWING - MILANO

Riprendendo le indicazioni date a lezione, molto dipende dalle condizioni del pavimento, alla quantità di umidità e dalle evoluzioni che siete soliti fare ...
Il ballerino di Balboa = Nice shoes
...ma in generale consiglio di usare scarpe con una suola che non faccia attrito. Importante non solo per muoversi agevolmente ma anche per evitare pericolose distorsioni; lo stesso vale per la forma e l'altezza del tacco e del decolté. A tutti consiglio scarpe ben salde con tacco medio o basso con un appoggio solido!

Quali sono le scarpe più adatte come suola:
quelle con il cuoio, quelle con la BUFALINA (specie di camoscio che il calzolaio vi può incollare sulla suola purché liscia) e quelle molto consumate!
Molti usano delle semplici sneakers, di diverse marche, ma più o meno lo stesso modello, che vedete sotto; anche queste meglio se hanno la suola ben consumata o la bufalina attaccata sotto.
In particolare le KEDS (sembra indossate dagli stessi Lindy Hoppers originali) sono le più conosciute. Io mi trovo bene anche con LE COQ, ottime e carine anche le VANS.
Per le serate più eleganti si possono usare molti modelli di stile "vintage", tipo bicolori, o di foggia inusuale, che però si reperiscono per lo più ON LINE.


La caratteristica di queste scarpe è che sono in vitello e quindi molto comode, come tutte le scarpe da ballo.
Per l'uomo valgono gli stessi consigli, se comprate delle scarpe in un negozio qualsiasi assicuratevi che siano flessibili, comode, possibilmente in vitello.

Made in Italy:
In ordine crescente di prezzo.
REART
Milano, corso Garibaldi.
Propone delle scarpe ottime per allenarsi, soprattutto per chi non ama le scarpe da ginnastica a suola piatta.
Prezzi: 45,00 / 55,00 euro
Consegna immediata.
Personalizzabili con glitter e pois.



Diversi modelli molto chick
Costi: da 80,00 a 110,00 euro (compresa spedizione)
Produzione interamente artigianale (Lecce)
Tempi di consegna: 15gg
Reperibili on line o nei Festival ed eventi swing



FLYIND DANCE (Puglia)
Diversi modelli per tutti i gusti, vendita on line.
Difficile reperire il catalogo.
Costi: da 90,00 a 120,00 euro
Consegna: circa 1 mese.

DISC'N ROLL (Francia ma le produce un italiano)
Diversi modelli per tutti i gusti, vendita on line.
Si possono variare tacchi e abbinamenti colori.
Costi: da 90,00 a 130,00 euro (stivaletto uomo 160 euro)
Consegna: circa 1 mese.


RUE SNOB
Milano, Show Room in Via Paolo Cezanne 5 - solo su appuntamento
Costi: da 150,00 A 180,00 euro
Tempi di consegna: circa due mesi



TRANKY SHOES
mpresa familiare artigiana nelle marche.
Costi: 115-165
Tempi di consegna: 3gg se disponibili, 20 se da ordinare
Personalizzabili.
Si trovano on line e nei Festival e Eventi Swing



Passando all'estero:

La scarpa del ballerino di balboa e comunque di chi proprio ci tiene...
REMIX
Si trovano a tutti i festival importanti.
Ricostruzione dettagli d'epoca.
Costi: da 150,00 A 220,00 EURO.
Tempi di consegna: non lo so


Inoltre sempre reperibili on-line prodotte all'estero:
Bleyer: da allenamento e non (famose le sneakers dei ballerini di boogie woogie)
http://bleyershoes.com
Aris Allen: storica rivendita di scarpe da swing, anche da allenamento
https://dancestore.com

Questo post per le scarpe da mettere in allenamento a lezione secondo i vari stili (lindy hop, boogie woogie, jive e country).

Se avete altre info scrivetemi!!!

Per vedere gli stili (scarpe, pettinature, abiti e accessori) associati a tutti gli stili potete guardare la presentazione in Nonsolocharleston Home!!

"soSwing" è anche una questione di stile?

Commenti

Post popolari in questo blog

DRESS CODE A TEMA

La frase "Dress code consigliato" compare spesso in calce agli inviti legati al mondo dello swing, del jazz o del rock and roll.
Il linguaggio dell'abito è sempre stato importante e conoscerlo aiuta. Ma qual è il codice adatto? E quali sono gli errori più comuni?

Qualche consiglio per i neofiti.

Potremmo iniziare a capire la tipologia di evento.
E' un ritrovo sociale, con  spettacoli, animazione o mostre o è un ritrovo di ballerini?
E comunque l'evento a che decade fa riferimento? Anni Venti, Trenta, Quaranta o Cinquanta?

Molto si può capire dalla tipologia di flyer.
Se  il nome della band o del Dj è ben evidenziato e centrale, l'evento è quasi certamente legato al social dance.

Ora analizziamolo più da vicino.
Se compaiono parole come crazy, diner, driver, Rock'n'Roll, fifties, pin-up o immagini di jeans con risvolti, bandane colorate e forme procaci siamo di fronte a un evento a tema Anni Cinquanta.





Probabilmente si ballerà jive o boogie woogie, o in alcune oc…

SHIM SHAM

Per chi si affacciasse ora sul piccolo grande modo degli swingers, un piccolo riassunto su una coreografia importante: lo shim sham.



Lo shim sham è un ballo in linea che ci riporta alla radici del ballo swing. Infatti sembra che lo Shimmy fosse una danza del 1920, che assomigliava alla Rumba spagnola, dove ci si muoveva come avendo della gelatina sotto i piedi. Fu reso popolare da Gilda Grey che lo ballò nel 1922 nelle Ziegfield Follies di Brodway.

Proveniva dai Vaudeville, cioè dagli spettacoli teatrali di “varietà” urbani dei primi del 900; in queste occasioni veniva ballato associando diverse sequenze, ma senza ordine predefinito.

Fu merito di Willie Bryant e Leonard Reed, ballerini di Tap Dance, che lo adattarono a uno spettacolo verso la fine del 1900 e crearono la forma coreografica che esiste tutt’ora.. Inizialmente lo Shim Sham poteva essere ballato da solo o in coppia, e quando si faceva in gruppo i ballerini erano uniti per le braccia.

Essendo una coreografia di Tap Dance, venn…