Passa ai contenuti principali

BOOGIE WOOGIE

Sinonimo di ballo, spensieratezza e colore, il boogie woogie è sempre stato molto amato in Italia.


Risultati immagini per boogie woogie

Attualissimo nel "cult of vintage style",  è tornato di moda tra i ragazzi, con i suoi fiocchi, la brillantina e le gonne colorate.


Risultati immagini per grease
Grease - Brillantina (Grease) è un film del 1978 diretto da Randal Kleiser, 
interpretato da John Travolta e Olivia Newton-John

Un tuffo nel mondo di American Graffiti, Grease, Happy Days, con i fast food, le Harley Davidson, i giubbotti di pelle e i blue jeans e soprattutto la musica dei jukebox con i dischi rock and roll!


Risultati immagini per happy days
Happy Days (Giorni Felici) è una situation comedy televisiva statunitense andata in onda in prima visione negli Stati Uniti dal 15 gennaio 1974 al 24 settembre 1984 sulla rete televisiva ABC. 

A Milano si balla in piccoli ritrovi informali, o in riunioni più grandi come i Twist and Shout o i LollyPop, In sale da ballo di periferia o in locali in città, con ottimi dj che spaziano dal rhythm and blues al boogie al rockabilly.


Risultati immagini per ballo il boogie woogie
Paola Bruno e Emanuele Bertolini, 
istruttori qualificati Boogie Woogie di ASD Nonsolocharleston


Si impara subito con pochi passi insegnati da amici, a scuola, o nei vari tutorial che abbondano su youtube.

Per chi vuole fare particolarmente bella figura si può seguire un corso di ballo che oltre a insegnarti i movimenti più "cool" ti farà entrare in questo magico mondo fifty, che veramente è alla portata di tutte le tasche e di tutte le età!


Volete una lezione di boogie woogie  on line 
in diretta ne LaCasa èSocial?



e infine un po' di storia:


"Il boogie woogie come musica è un blues ritmato. Questo blues ritmato fu ufficialmente confermato da Pine Top Smith nella famosa incisione di del 1928 “Pine Top’s boogie woogie” dove l’autore fece anche riferimento proprio ai passi di danza.

Venne ballata come altre danze swing in maniera spontanea e destrutturata in locali e feste riservate ai neri. (...)

In America il boogie woogie divenne un blues scatenato, e non corrispondeva a uno specifico stile di ballo.(...)

Fu però solo con la seconda guerra mondiale che i ballerini confluirono in quello che in Italia e in altre parti d’Europa venne chiamato boogie woogie e poi rock and roll. Questo stile di ballo venne associato agli esempi americani arrivati con le truppe che di fatto stavano ballando swing. 

(...)

Sia il boogie woggie che il rock and roll, diventando la musica della nuova generazione, maturano uno stile diverso, sia come ritmica che come atteggiamento. Lo swing out, il passo “principe” del lindy hop perse popolarità. Si iniziò a ballare più sui talloni che sulle punte, si utilizzarono i sei tempi del west coast swing e si crea un nuovo stile di ballo scalciato.

Non è ben chiaro come mai questa danza venne chiamata boogie woogie, per lo meno in Italia, forse per il nome che compariva sulle incisioni o per qualche etichetta.
Progressivamente il boogie italiano è andato evolvendosi in uno stile più semplice standardizzato dai maestri di ballo, il cosidetto “boogie da sala” che, pur rendendolo più accessibile a tutti, portava però via molto della natura interpretativa e spontanea delle origini. 

Attualmente il boogie woogie ha ripreso molto vigore recuperando i concetti di ballo destrutturato, liberamente interpretabile utilizzando anche elementi dei balli vernacolari. E’ stata inoltre nuovamente inserita la componente air steps e aerea, sebbene con le dovute limitazioni sociali, praticamente inesistente nel “boogie da sala”.



Commenti

Post popolari in questo blog

SCARPE DA SWING - MILANO

Riprendendo le indicazioni date a lezione, molto dipende dalle condizioni del pavimento, alla quantità di umidità e dalle evoluzioni che siete soliti fare ...
...ma in generale consiglio di usare scarpe con una suola che non faccia attrito. Importante non solo per muoversi agevolmente ma anche per evitare pericolose distorsioni; lo stesso vale per la forma e l'altezza del tacco e del decolté. A tutti consiglio scarpe ben salde con tacco medio o basso con un appoggio solido!
Quali sono le scarpe più adatte come suola:
quelle con il cuoio, quelle con la BUFALINA (specie di camoscio che il calzolaio vi può incollare sulla suola purché liscia) e quelle molto consumate!
Molti usano delle semplici sneakers, di diverse marche, ma più o meno lo stesso modello, che vedete sotto; anche queste meglio se hanno la suola ben consumata o la bufalina attaccata sotto.
In particolare le KEDS (sembra indossate dagli stessi Lindy Hoppers originali) sono le più conosciute. Io mi trovo bene anche con L…

SHIM SHAM

Per chi si affacciasse ora sul piccolo grande modo degli swingers, un piccolo riassunto su una coreografia importante: lo shim sham.



Lo shim sham è un ballo in linea che ci riporta alla radici del ballo swing. Infatti sembra che lo Shimmy fosse una danza del 1920, che assomigliava alla Rumba spagnola, dove ci si muoveva come avendo della gelatina sotto i piedi. Fu reso popolare da Gilda Grey che lo ballò nel 1922 nelle Ziegfield Follies di Brodway.

Proveniva dai Vaudeville, cioè dagli spettacoli teatrali di “varietà” urbani dei primi del 900; in queste occasioni veniva ballato associando diverse sequenze, ma senza ordine predefinito.

Fu merito di Willie Bryant e Leonard Reed, ballerini di Tap Dance, che lo adattarono a uno spettacolo verso la fine del 1900 e crearono la forma coreografica che esiste tutt’ora.. Inizialmente lo Shim Sham poteva essere ballato da solo o in coppia, e quando si faceva in gruppo i ballerini erano uniti per le braccia.

Essendo una coreografia di Tap Dance, venn…

DRESS CODE A TEMA

La frase "Dress code consigliato" compare spesso in calce agli inviti legati al mondo dello swing, del jazz o del rock and roll.
Il linguaggio dell'abito è sempre stato importante e conoscerlo aiuta. Ma qual è il codice adatto? E quali sono gli errori più comuni?

Qualche consiglio per i neofiti.

Potremmo iniziare a capire la tipologia di evento.
E' un ritrovo sociale, con  spettacoli, animazione o mostre o è un ritrovo di ballerini?
E comunque l'evento a che decade fa riferimento? Anni Venti, Trenta, Quaranta o Cinquanta?

Molto si può capire dalla tipologia di flyer.
Se  il nome della band o del Dj è ben evidenziato e centrale, l'evento è quasi certamente legato al social dance.

Ora analizziamolo più da vicino.
Se compaiono parole come crazy, diner, driver, Rock'n'Roll, fifties, pin-up o immagini di jeans con risvolti, bandane colorate e forme procaci siamo di fronte a un evento a tema Anni Cinquanta.





Probabilmente si ballerà jive o boogie woogie, o in alcune oc…