giovedì 26 gennaio 2017

WEST COAST SWING QUESTO SCONOSCIUTO

Musica moderna R&B e balli swing: sono compatibili? 
Il West Coast Swing è o non è il cugino del Lindy Hop?

Parliamone con William e Alice, maestri e ballerini di West Coast.



Alice Faraone e William Pisani
(CV e altre info sul sito)

Dean Collins, grande ballerino di swing, è famoso per questo aforisma: "There is no style, there is only Swing" e fedele a ciò continuò a ballare il suo Swing Sofisticato anche dopo il tramonto delle Big Band.



da www.Streetswing.com 

"However today's modern form of WCS looks nothing like its original version (1980's and before), so most Lindy Hoppers do not want to claim it, but it is what it is and westies would prefer not to be connected to Lindy..., but roots are roots and a few of us won't let them forget.  Dean was way ahead of his time when it came to dance and he could style Swing like no other when the music got slow and could become a cyclone when it got fast. Dean and others danced to all styles of music in the 1960's and 1980's as long as it "swung (Aka dance to a rhythmic sound that coinicided with the dance)" as a lot of the good swing music was disappearing fast. The Blues was taking it's place in most swing dance circles. Here's a 1982 clip of Dean dancing at Happy Daze Disco and Nightclub to MJ's Billie Jean to show what I mean."*




Godiamoci questo video degli anni Ottanta 
dove Deans Collins balla su musica disco*.

Il West Coast Swing dagli anni Ottanta è decisamente cambiato, ma sicuramente meno dei balli da discoteca autoreferenziali che hanno preso piede dagli anni Settanta in poi.
Personalmente trovo fantastico che non si sia mai smesso di ballare questo swing, perfino in un contesto di R&B moderno, mantenendo vivo il sottile colloquio della coppia che swinga.



*Fonte: http://www.streetswing.com/histmain/z3wcs1.htm)

venerdì 20 gennaio 2017

NEO SWING O SWING REVIVAL?

Ultimamente ricevo molte richieste da parte di aziende per spettacoli a tema Neo Swing


Filippo Bertolini



Una interpretazione,  cito le loro parole, in chiave moderna del fenomeno "swing degli anni Cinquanta, per stabilire una continuità tra il presente e il passato".


Ora, per quanto posso, vorrei fare un paio di distinguo.

Una cosa per chi balla è il  NEO SWING (per tutti l'ultima pubblicità della TIM) e un'altra cosa  LO SWING REVIVAL (per tutti il programma di  "ETERNO SWING" del 8 gennaio 2017 Speciale Tg1 Cinzia Fiorato).


Canale di Renzo Arbore



Lo SWING, che è la musica di matrice statunitense, su cui si ballava negli Anni Trenta,  (Lindy hop, Shag, Balboa, Solo, etc.), è esattamente la stessa che in una ondata sempre più crescente, anima e unisce i ballerini di swing di tutto il pianeta.

La rivoluzione interculturale, di cui la trasversalità è la base,  che lo swing e i suoi balli hanno rappresentato per la cultura afroamericana, è tornata attuale unendo,  in un'unica passione, i ballerini di tutte le età e di tutto il mondo, affascinati dal "vintage" che incarna. "Eterno swing" perché sinonimo non solo di qualcosa che non tramonta, ma anche che non conosce confini.

Nelle sale da ballo si ascolta Benny Goodman, Artie Shaw, Fletcher Henderson, Count Basie....

Un esempio? su Count Basie ballano William & Maeva...





L'ELETTROSWING è una musica moderna, su base elettronica che invece di applicarsi all'House rimixa testi swing. 
Lo stile di ballo che lo rappresenta, un misto tra lo shuffle e il tecktonik, si pratica per lo più nelle discoteche o in contesti giovani, anche di strada, come del resto l'hip hop (che è il charleston degli anni duemila) ha sempre fatto.
Molti passi ci riportano infatti al primo  '900, al Charleston, lo Shuffle, lo Shimmy, il Black Bottom, e non di meno il Tap.

Un esempio: Parov Stelar






I due stili di ballo, lo swing e il neoswing,  infatti provengano da un'unica matrice, che risale molto indietro e ci riporta alla nascita del Jazz e le sue danze popolari, con tutte le loro contaminazioni che in America hanno fatto la storia.





Nonsolocharleston aveva  proposto già nel 2012 una rivisitazione in chiave Hip Hop dello Swing (Neoswing/Swing hiphop) con Michele Salvemini, abbinando nel Promo i passi del Solo a simili movimenti hip hop.


...

venerdì 13 gennaio 2017

SHAG

Lo Shag è un ballo bellissimo! 

Benvenuto tra noi!!!!






Cito le parole di Marcus Koch & Bärbl Kaufer, precursori, maestri e organizzatori del Rock That Swing Festival di Monaco (12^ edizione quest'anno!!); persone soprattutto che, e lo dico per esperienza personale, nonostante la loro grande esperienza e il loro indiscusso successo internazionale, sono sempre disponibili, pazienti e autoironici in ogni occasione.

"Un semplice slow, Slow, Quick è il segreto di un eccitante e strepitoso ballo swing a sei conti, degli anni Trenta e Quaranta: lo Shag.




Lo Shag è facile da imparare, coi i suoi calci e salti è molto divertente. Se ti piace avere un contatto stretto con il tuo partner e non vuoi perdere l'energia dello Swing, questo è il tuo ballo. Si danza per lo più in posizione chiusa, ma anche con elementi aperti e separatamente; lo Shag può essere ballato sui tempi medi e veloci.



Lo Shag si è diffuso in tutta l'America e i differenti stili erano popolari in molte partì. (Questo video) fa riferimento al Double Rhythm Shag, che si usa nel Collegiate Shag, da non confondere con il 
Carolina Shag, o il Saint Louis Shag.

Anche se è una danza con il proprio carattere, lo Shag può essere mischiato ad altri stili swing."



Tradotto da me, da Collegiate Shag
World of Swing, The Encyclopedia of Swing."




Un po' di storia:

Inserisco anche questo breve video tratto dall'intervista completa di Chester Withmore e Lance Benishek, disponibile nel formato completo presso la Videoteca di Nonsolocharleston.




Per info sull'Associazione vedi: www.nonsolocharleston.com.