Passa ai contenuti principali

Dress code & social dance anni Cinquanta: trucchi e consigli



Buongiorno a tutti!

Ho navigato un bel po' negli anni Cinquanta per capire bene lo stile legato a questi ambienti di ballo e ho notato che gli Anni Cinquanta si stanno un po' consumando (mannaggia al consumismo!) e che  per mantenersi "giovani e vivi" stanno virando verso inizio secolo....!!!!





Comunque, intanto che lo swing con un click fa i suoi danni (se volete capire di cosa parlo potete leggere il post), noi continuiamo con un po' di studio del costume applicato ai giorni d'oggi.

Premessa (consigliata):
In questo ambiente, sempre facendo molte generalizzazioni e concentrando l’attenzione sul social dance, si può parlare di due mondi paralleli. Quello del boogie woogie, sia di vecchia che di nuova generazione, e quello del rockabilly jive.
Iniziamo dalle icone del periodo: da Audrie Hepburn a Marilin Monroe, da Betty Grable a Rita Haywort da Lucille Ball a Bettie Page.

Risultati immagini per betty page     Risultati immagini per audrey hepburn
Così diverse così simili...

Per gli uomini ricordiamo Marlon Brando, James Dean, con le aderenti magliette bianche infilate negli immancabili blue jeans; Paul Newman , Gene Kelly, Elvis Presley, Jerry Lee Lewis e tutti gli attori del la filmografia legata western story.



   Marlon Brando stands in for a wardrobe test. Risultati immagini per james dean
così diversi così simili...

Oppure per avere un’idea abbastanza verosimile dei ragazzi che affollavano le piste nei famosi anni Cinquanta  basta guardare cult un film come Senza tregua il rock and roll 1956 (detto all'italiana!)

Considerazioni (puoi saltare se ti annoia):
Partiamo dal mondo che gira attorno ai concerti rockabilly.  I “puristi” una decina di anni fa quando i raduni erano meno di massa, erano la maggioranza, mentre adesso la situazione è un po' diversa, decisamente meno integralista.

Ad esempio si può indossare semplicemente una gonna ampia per le ragazze e una maglietta bianca infilata nei calzoni con scarpe All Stars per i ragazzi per sentirsi a tema; ciò ammesso, io trovo che anche al giorno d’oggi le scelte stilistiche sono ben visibili nei raduni rockabilly così come l'amore per il collezionismo che non si applica solo a un dresscode d’occasione  ma che, per gli irriducibili, diventa proprio uno stile di vita in ogni dettaglio anche domestico. Non è più un revival, una rivisitazione ma diventa una ricerca di vintage autentico che arriva a scelte sul tipo "FORNO ELETTRICO O FORNO A GAS?"...


Consigli per il dresscode (da leggere!):
La scelta di una propria immagine dove si uniscono elementi moderni ad altri degli anni passati, parte da alcune icone legate alla cultura rockabilly, cultura che rappresenta per eccellenza un melting pot culturale. Quindi sentitevi liberi e "NON appartenenti". Unico filo conduttore l'amore per la musica rockabilly.

1950s Men's Casual Summer Fashion with a Hawaiian Shirt

Immagini legate al mondo conservatore western legato alla cultura hillbilly del red neck viaggiano insieme ad altre che vengono dal rock and roll bianco e nero,  o da rivoluzionarie pin-up soft-fetish orgogliose del proprio corpo.


Risultati immagini per jeans redneck icona
Red neck

Alcuni cliché sono il risvolto alto dei jeans unisex, le salopette da lavoro oppure i jeans corti con calzino in vista; tacchi e scarpe colorate alla Mary Jane abbinate a borsettine, immancabile eye liner e rossetto fuoco per le ragazze; pettinature per entrambi i sessi alla pompadour, col grosso ciuffo cotonato; per le ragazze la frangetta corta da Haudry Hepburn o rigirata indietro alla faux bang o con stilosissimi victory rolls alla Bettie Page, fazzoletti al collo o molto ben composti in testa, busti, scollature, sottogonne, più o meno sexy, attillato o con gonna ampia, stile marinaio o da Betty Boop.




Choose a pencil skirt or a full skirt with a nipped in waist for a smart 1950s style




Altro elemento collegato al genere, è la passione per auto e motori, che era dominante nei primi raduni, dove di fatto il ballo era puramente accessorio. Da qui l’abbigliamento legato ai cosidetti bikers, stivali da moto tipo biker boot e giacca in pelle, modello Harley Davidson (se iniziate a confondervi con questi inglesismi settimana prossima arriva il dizionario "per essere sul pezzo").

Risultati immagini per tatuaggio old style
Tatuaggio old school

Il tatuaggio in stile old school è un elemento tipico ripreso dalla cultura anni Cinquanta. 

1950s mens shoes style you can buy today. Shop now at VintageDancer.com/1950s

Molte subculture si sono unite nel creare il ricco guardaroba dei rickabillies, inglesi e americane, come i Rockers, i Greaser, i Teddy Boy Da qui elementi come le creepers, gli occhiali stile Buddy Holly, le giacche stile college (vedi Happy days) o il “chiodo” di pelle.


1950s Teddy Boys wearing Creepers
Teddy boys

Passando invece al mondo più legato al ballo boogie woogie, per le persone che affollano le sale da ballo classiche, come i dancing e le balere, l’abbigliamento è molto meno ”costruito”, ma si adatta alla necessità di ballare e di muoversi in velocità senza impicci. Quindi vestiti sportivi abbinati alla classica scarpa da ginnastica o da ballo in gomma adatta al movimento sia per i ragazzi che per le ragazze. Un po’ di colore nel vestito per la dama, fantasie vivaci e vestitini stile Minnie o semplici calzoni di tela o jeans per i ragazzi magari con bretella e papillon, per gli amanti del retrò qualche pezzo autentico come la camicia hawayana.


Team a pair of Capri pants with a blouse or close-fitting top for a 1950s look. Add a pair of two tone flat loafers for the ultimate in comfort. VintageDancer.com/1950s

Il trucco “pin up” è sempre apprezzato, così come le pettinature e i fazzolettini o i cerchietti con fiore, o un laccetto o un fazzoletto al collo in stile Happy Days o una coppola in tela molto semplice per i ragazzi.


Add a petticoat underneath your 1950s style dress for extra fullness!


Per i boogiesti datati, diciamo over sessanta, usa l’abbigliamento elegante, cioè le signore vestono abiti da mezza sera, con qualche lustrino e volant, classica scarpa da ballo anche con tacco da sera e gli uomini giacca e cravatta che poi si levano per ballare.
Loro non sono così vintage da essere un fenomeno di moda, ma abbastanza per rievocare nostalgici ricordi di galateo. Di sicuro sanno muoversi in pista, accompagnano la dama a sedere e si fermano volentieri a scambiare due parole.

Infine per i raduni come i Twist and Shout, i ragazzi partecipano per lo più in modo informale, con qualche accessorio a tema, magari cappello e bretelle, riservando il tocco anni Cinquanta al banchetto Vintage che propone da sempre per le ragazze trucco in stile (per tutti Ketty vintaqge).



1950s mens sweaters, 1951 men's cardigans, letterd and winter pullovers sweaters


E per concludere una vera chicca assolutamente italiana:

[1951/1955]…al Mercatino Americano di via Tre, a Genova, si trovavano gli abiti americani, le camicie western per esempio…solo lì si trovavano, e anche i dischi di swing e di boogie, Hanry James, Glenn Miller, In the Mood. Noi amavamo Guitar Boogie… all’Arethusa [ i frequentatori ] gli esistenzialisti erano vestiti di nero con le giacche di pelle, c’erano anche le persone in camicia e cravatta, i musicisti avevano la loro cravattina, a volte mettevano la paglietta, poi c’erano i “bulli” che camminavano in quel modo lì e masticavano il chewing gum, avevano le basette lunghe, il giubbotto di pelle coi chiodi, gli stivali... sai da moto..., i ragazzi normali mettevano le scarpre da ginnastica per ballare, avevano i jeans lunghi col risvolto erano i Teddy boy; di Gioventù Bruciata e Fronte del Porto e c’erano gli artisti come Dalì, Versace, Vergottini, Galtrucco che si vestivano a modo loro perché erano loro.”
Jack La Cayenne, intervista marzo 2017


Contributi e siti di riferimento per le immagini:

https://it.wikipedia.org/wiki/Salvador_Dal%C3%AD
http://firenze.pinkitalia.it/moda/da-firenze-ferragamo-celebra-la-ballerina-di-audrey-hepburn/
https://it.wikipedia.org/wiki/James_Dean
http://www.thefashionisto.com/marlon-brando-style-photos/
http://passionetattoo.it/tatuaggi-old-school
https://it.pinterest.com/aylincetinkaya/jean-icons/?lp=true
http://kettysvintage.blogspot.it/
http://vintagedancer.com/1950s/1950s-inspired-fashion-recreate-look/

Commenti

Post popolari in questo blog

SCARPE DA SWING - MILANO

Riprendendo le indicazioni date a lezione, molto dipende dalle condizioni del pavimento, alla quantità di umidità e dalle evoluzioni che siete soliti fare ...
...ma in generale consiglio di usare scarpe con una suola che non faccia attrito. Importante non solo per muoversi agevolmente ma anche per evitare pericolose distorsioni; lo stesso vale per la forma e l'altezza del tacco e del decolté. A tutti consiglio scarpe ben salde con tacco medio o basso con un appoggio solido!
Quali sono le scarpe più adatte come suola:
quelle con il cuoio, quelle con la BUFALINA (specie di camoscio che il calzolaio vi può incollare sulla suola purché liscia) e quelle molto consumate!
Molti usano delle semplici sneakers, di diverse marche, ma più o meno lo stesso modello, che vedete sotto; anche queste meglio se hanno la suola ben consumata o la bufalina attaccata sotto.
In particolare le KEDS (sembra indossate dagli stessi Lindy Hoppers originali) sono le più conosciute. Io mi trovo bene anche con L…

DRESS CODE A TEMA

La frase "Dress code consigliato" compare spesso in calce agli inviti legati al mondo dello swing, del jazz o del rock and roll.
Il linguaggio dell'abito è sempre stato importante e conoscerlo aiuta. Ma qual è il codice adatto? E quali sono gli errori più comuni?

Qualche consiglio per i neofiti.

Potremmo iniziare a capire la tipologia di evento.
E' un ritrovo sociale, con  spettacoli, animazione o mostre o è un ritrovo di ballerini?
E comunque l'evento a che decade fa riferimento? Anni Venti, Trenta, Quaranta o Cinquanta?

Molto si può capire dalla tipologia di flyer.
Se  il nome della band o del Dj è ben evidenziato e centrale, l'evento è quasi certamente legato al social dance.

Ora analizziamolo più da vicino.
Se compaiono parole come crazy, diner, driver, Rock'n'Roll, fifties, pin-up o immagini di jeans con risvolti, bandane colorate e forme procaci siamo di fronte a un evento a tema Anni Cinquanta.





Probabilmente si ballerà jive o boogie woogie, o in alcune oc…

SHIM SHAM

Per chi si affacciasse ora sul piccolo grande modo degli swingers, un piccolo riassunto su una coreografia importante: lo shim sham.



Lo shim sham è un ballo in linea che ci riporta alla radici del ballo swing. Infatti sembra che lo Shimmy fosse una danza del 1920, che assomigliava alla Rumba spagnola, dove ci si muoveva come avendo della gelatina sotto i piedi. Fu reso popolare da Gilda Grey che lo ballò nel 1922 nelle Ziegfield Follies di Brodway.

Proveniva dai Vaudeville, cioè dagli spettacoli teatrali di “varietà” urbani dei primi del 900; in queste occasioni veniva ballato associando diverse sequenze, ma senza ordine predefinito.

Fu merito di Willie Bryant e Leonard Reed, ballerini di Tap Dance, che lo adattarono a uno spettacolo verso la fine del 1900 e crearono la forma coreografica che esiste tutt’ora.. Inizialmente lo Shim Sham poteva essere ballato da solo o in coppia, e quando si faceva in gruppo i ballerini erano uniti per le braccia.

Essendo una coreografia di Tap Dance, venn…