Passa ai contenuti principali

Lo swing è giovane o vecchio?

Partiamo della sua data di nascita: millenovecento e…

direi vecchio, vintage, passato remoto. Non ci sono dubbi. 

File:Violet Romer in flapper dress, LC-DIG-ggbain-12393 crop.jpg

Violet Romer in flapper dress

Vediamo poi da chi era ballato, in quegli anni appunto mooolto indietro, dai vecchi o dai giovani
Ma dai giovani naturalmente, perché erano dei balli scandalo, dei balli nuovi, dei balli che andavano contro tutte le regole estetiche e sociali.


E fino a qui tutto bene.

Passiamo al presente, questo presente che si dice non abbia  gruppi, senza confini, che scappa, con le sue definizioni di liquidità e non appartenenze.
Nel presente, vecchio è un modo di sentirsi, non corrisponde a un dato estetico dettato dal passare degli anni, ma un modo di lasciarsi inglobare dal tempo e perdere quel gusto, banalmente e irrimediabilmente legato all’estetica, al modo, che ti fa emergere dalla massa, e che caratterizza. 

Risultati immagini per jean velox swing west coast
Scusate la frase. Ma è così. Non so come altro spegarlo.

Oggi come oggi l’individualità, questa costruzione estetica,  supera le barriere temporali, supera addirittura quelle culturali. E' inutile opporsi alla corrente, va così, e se tutto questo  serve a far ballare tutti, va bene, ben venga; ma “vade retro” se ci fa rimpicciolire il cuore perché i sentimenti vanno a compensare il vuoto narcisistico dell'estetica e sono importantissimi anche nel ballo.

“I ragazzi dello shake”, cantata da Gianni Morandi, e  il famoso “geghegè”,
lanciato da Rita Pavone nel 1966 nella trasmissione Studio Uno.

Quindi dame e cavalieri datati, se anche a voi come me, ha fatto innervosire la sigla del programma di Arbore  “guardate come sono belli quelli dello swing”, si trattava solo di una metafora del tempo che non passa, non prendete tutto alla lettera.

E’ giusto che si ronzi attorno al miele, e che lo spazio del ballo sia fatto anche per questo, ma tenete saldo il vostro passato e il vostro cuore, e soprattutto il vostro posto in pista.
Giovane e vecchio è un concetto superato. Adesso si è o non si è. E se si è buoni dentro si è di più.
Punto. 

Risultati immagini per vecchi che ballano

Iron Maiden Vecchi.jpg



Crediti per le immagini
http://www.contradadellatorre.it
http://nonnamia.iobloggo.com
http://www.swingdancegenova.net

Commenti

Post popolari in questo blog

SCARPE DA SWING - MILANO

Riprendendo le indicazioni date a lezione, molto dipende dalle condizioni del pavimento, alla quantità di umidità e dalle evoluzioni che siete soliti fare ...
...ma in generale consiglio di usare scarpe con una suola che non faccia attrito. Importante non solo per muoversi agevolmente ma anche per evitare pericolose distorsioni; lo stesso vale per la forma e l'altezza del tacco e del decolté. A tutti consiglio scarpe ben salde con tacco medio o basso con un appoggio solido!
Quali sono le scarpe più adatte come suola:
quelle con il cuoio, quelle con la BUFALINA (specie di camoscio che il calzolaio vi può incollare sulla suola purché liscia) e quelle molto consumate!
Molti usano delle semplici sneakers, di diverse marche, ma più o meno lo stesso modello, che vedete sotto; anche queste meglio se hanno la suola ben consumata o la bufalina attaccata sotto.
In particolare le KEDS (sembra indossate dagli stessi Lindy Hoppers originali) sono le più conosciute. Io mi trovo bene anche con L…

BoogieWoogie versus Rockabilly: il sorpasso

Lombardia  anni Cinquanta, arriva il  boogie woogie: il ballo simbolo, che dallo swing delle grandi orchestre, al rhythm and blues, al country approda al rock and roll e finisce (ahimé) sui ritmi anni Settanta.
Emilia anni Novanta, arriva il  rockabilly, una cultura che nasce nel sud, si ricolloca nel nord e fissa un unico denominatore comune: la musica.
Il ballo, il jive c'è ma è marginale. Arriva dopo.

Storie diverse che io leggo così: nel boogie vedo una generazione antica, nel rockabilly una generazione vintage. La differenza è questa sacca temporale che anima i "revival": se c'è il fenomeno diventa "cool", si arricchisce dell'impossibile.

"Al pari di New Orleans anche Menphis è terribilmente offuscata da miti e leggende. I visitatori arrivano da tutto il mondo in cerca di qualcosa che non c'è più.[...] Dal ciuffo perfettamente impomatato, all'accendino Zippo e alla sigaretta dietro all'orecchio, il giapponese è affascinato e soggiogato…

SHIM SHAM

Per chi si affacciasse ora sul piccolo grande modo degli swingers, un piccolo riassunto su una coreografia importante: lo shim sham.



Lo shim sham è un ballo in linea che ci riporta alla radici del ballo swing. Infatti sembra che lo Shimmy fosse una danza del 1920, che assomigliava alla Rumba spagnola, dove ci si muoveva come avendo della gelatina sotto i piedi. Fu reso popolare da Gilda Grey che lo ballò nel 1922 nelle Ziegfield Follies di Brodway.

Proveniva dai Vaudeville, cioè dagli spettacoli teatrali di “varietà” urbani dei primi del 900; in queste occasioni veniva ballato associando diverse sequenze, ma senza ordine predefinito.

Fu merito di Willie Bryant e Leonard Reed, ballerini di Tap Dance, che lo adattarono a uno spettacolo verso la fine del 1900 e crearono la forma coreografica che esiste tutt’ora.. Inizialmente lo Shim Sham poteva essere ballato da solo o in coppia, e quando si faceva in gruppo i ballerini erano uniti per le braccia.

Essendo una coreografia di Tap Dance, venn…