Passa ai contenuti principali

Spirito di Milano


Lo Spirit de Milan, nel mese di maggio ha dato spazio, a poca distanza, a due personaggi cult nella storia delle danze jazz: Bruno Dossena che è l’icona del rock and roll italiano, attraverso le parole di Michele Longo, e Frankie Manning che è il simbolo del lindy hop internazionale, attraverso la testimonianza di Norma Miller (proprio lei la ragazza col cappello da cuoco in Hellzapoppin, 1941)


Risultati immagini per quartiere bovisa vintage
Ecomuseo: guida culturale del Nord Milano

Per chi ancora non lo sapesse, lo Spirit de Milan è un locale che è stato aperto due anni fa nella suggestiva location (prima) abbandonata delle Cristallerie Livellara, in Bovisa. 

"Senza formalismi, solo con la voglia e il piacere di stare insieme, condividere e divertirsi. Un luogo dove incontrare personaggi della vecchia Milano, imparare il dialetto, ma anche qualche passo di swing, cantare e suonare." 

Nell’occasione sono stati presentati due libri, scritti appunto dai due testimoni, ed io sono stata molto contenta di poter partecipare ad entrambe le presentazioni, puntuale alle 19,30, prendendo la 90/91 e facendomi un bel pezzetto di strada nel quartiere Bovisa, che è sempre lì, tutt’intorno alle Cristallerie Livellara. 



Michele Longo (di lui ho impressa un'immagine in continua corsa) ha presentato il suo libro "Milano Rock and Love Story" dedicato a Bruno Dossena. Bruno Dossena è considerato l'icona del boogie italiano in generale e milanese in particolare e Michele, per celebrarlo, ha invitato sul palco alcuni ballerini di quegli anni, ballerini non performers, che erano presenti quando Celentano ha portato l’America nelle televisioni di tutti gli italiani. 

Adriano Celentano: «Il rock per me è stato come uno squarcio abbagliante nella nebbia della noia. La libertà.»

Purtroppo c’era un audio pessimo e probabilmente nessuno ha capito molto, ma si stava parlando dei mitici anni cinquanta, della “Milano di una volta”, quella che va tanto di moda adesso.



Norma Miller ha 97 anni e mezzo (e "mezzo anno a quella età conta", come ha sottolineato il molto gradevole accompagnatore/traduttore di cui non so il nome ma che aveva una camicia con i volant in stile Edwardiano,  tipo mio zio Nino al mio matrimonio). Norma Miller che, si dice, essere l'ultimo protagonosta vivente dell’epoca di "A day at the Race" (1937), ha presentato il suo libro “Swing Baby swing! Quando Harlem dettava legge a suon di swing” nella versione italiana, che parla della storia del lindy hop dalle origini ai tempi moderni.

<<Avete visto “A day at the race? Tu l’hai visto? No??? non l’hai visto? No??! >> 
[Norma Miller]

Alcune sequenze del film montate da me

Norma Miller a novantasette anni si è presentata con la sua parrucca nera (per cantare ne sfoggia una dorata),  le dita lunghe, occhialoni scuri e una carica così incredibile da trasportarmi(ci) in una atmosfera a metà tra Hollywood e Disney. Sul palco un’altra ballerina dell’Apollo, una cosa incredibile, Leona Laviscount (ho collegato alla sua pagina che fino a ieri aveva solo 43 mi piace! ma una grande artista che da New York si è stabilita in Italia), che ha iniziato la sua carriera proprio nella troupe di Norma Miller. Ammiratrice di Celentano (mi è proprio sembrato)  e famosa da ragazza per le sue lunghe gambe e per la sua “mossa” speciale… 

Alcune scene di film italiani dove compare Loana Laviscount da giovane

Che dire…le due presentazioni sono state molto diverse, sembrava un po’ quel film ... "Pane e Cioccolato" … avete presente? 




Però entrambe le serate mi hanno emozionato.

Innanzitutto essendo andata sola (le presentazioni erano alle 19,30, un deciso pre-serata) ho potuto chiacchierare con un bel po’ di persone che non avrei certo incontrato se fossi stata in compagnia; da un tipo strano, una specie di figlio dei fiori anzianotto, con la bandana in testa e due (o tre?) treccie grigie che si è autodefinito l’Eccessivo e che mi ha piroettato in un ballo, (a me!.. che per l’occasione indossavo una giacchetta very vintage…che svolazzava tutta malamente… ) alla energica maestra Arroni che sono otto anni che insegna a ballare ai disabili visivi come volontaria e ha difeso le sedie intorno al tavolino lasciatele in custodia dagli amici fino all’ultimo sangue (unico tavolino in tutto lo Spirit con delle sedie vuote intorno a un tagliere e due signore), e se è riuscita in questo, Margy può fare di tutto.

E infine, conoscere una persona come Norma Miller non può che commuovere nel profondo, e non solo perché ha un'età esagerata e non si capisce come faccia a essere com'è, ma perché io immagino la storia faticosa che sta dietro a tutta quella energia, le parrucche e il trucco e le unghie, un'energia che attraversa le sue ossa e il suo mondo fatto di ricordi e di presente, di oblio e di ritorni, celebrazioni e riti; e lo stesso, emozionante,  è stato vedere i boogiesti degli anni Cinquanta salire sul palco, piano piano, nella generale confusione, ricevere la loro targa al merito e scendere dal palco; chissà cosa avranno pensato, ci premiano perché c'eravamo quando eravamo giovani tanti anni fa? com'era tanti anni fa? quando eravamo giovani, meglio, peggio, chissà...

E ora un po' di frasi che mi hanno colpito, zam, dritte al cuore:

<<Frankie mi ha insegnato a ballare lo swing, e non solo a me ma a tutti quelli che in Italia e nel mondo ballano lo swing>>

<<è un ballo diverso dal jazz perché ci si prende per mano>>

<<dal lindy hop all’hip hop si balla swing alla round the world… la black dance”>>

<<Dossena, sì ballava.. sì,era bravo.. ma non c’era tutto questo chiasso, si ballava e basta>>

<<non mi hanno neanche chiamato, pensavo mi chiamassero,  eppure ero importante, loro fanno le cose tra loro...>>

Risultati immagini per autobus 91 di notte
Considerando che è la linea più malfamata di Milano, per me la serata è finita presto!!!
e come dice il mio amico Alberto: "che belle cooseee!!" 


Crediti :
https://www.eumm-nord.it
https://www.vice.com/it/article/linea-autobus-91-milano-notte-043
http://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2016/02/15/news/celentano_ragazzo_via_gluck-133497677/

Commenti

Post popolari in questo blog

SCARPE DA SWING - MILANO

Riprendendo le indicazioni date a lezione, molto dipende dalle condizioni del pavimento, alla quantità di umidità e dalle evoluzioni che siete soliti fare ...
...ma in generale consiglio di usare scarpe con una suola che non faccia attrito. Importante non solo per muoversi agevolmente ma anche per evitare pericolose distorsioni; lo stesso vale per la forma e l'altezza del tacco e del decolté. A tutti consiglio scarpe ben salde con tacco medio o basso con un appoggio solido!
Quali sono le scarpe più adatte come suola:
quelle con il cuoio, quelle con la BUFALINA (specie di camoscio che il calzolaio vi può incollare sulla suola purché liscia) e quelle molto consumate!
Molti usano delle semplici sneakers, di diverse marche, ma più o meno lo stesso modello, che vedete sotto; anche queste meglio se hanno la suola ben consumata o la bufalina attaccata sotto.
In particolare le KEDS (sembra indossate dagli stessi Lindy Hoppers originali) sono le più conosciute. Io mi trovo bene anche con L…

DRESS CODE A TEMA

La frase "Dress code consigliato" compare spesso in calce agli inviti legati al mondo dello swing, del jazz o del rock and roll.
Il linguaggio dell'abito è sempre stato importante e conoscerlo aiuta. Ma qual è il codice adatto? E quali sono gli errori più comuni?

Qualche consiglio per i neofiti.

Potremmo iniziare a capire la tipologia di evento.
E' un ritrovo sociale, con  spettacoli, animazione o mostre o è un ritrovo di ballerini?
E comunque l'evento a che decade fa riferimento? Anni Venti, Trenta, Quaranta o Cinquanta?

Molto si può capire dalla tipologia di flyer.
Se  il nome della band o del Dj è ben evidenziato e centrale, l'evento è quasi certamente legato al social dance.

Ora analizziamolo più da vicino.
Se compaiono parole come crazy, diner, driver, Rock'n'Roll, fifties, pin-up o immagini di jeans con risvolti, bandane colorate e forme procaci siamo di fronte a un evento a tema Anni Cinquanta.





Probabilmente si ballerà jive o boogie woogie, o in alcune oc…

SHIM SHAM

Per chi si affacciasse ora sul piccolo grande modo degli swingers, un piccolo riassunto su una coreografia importante: lo shim sham.



Lo shim sham è un ballo in linea che ci riporta alla radici del ballo swing. Infatti sembra che lo Shimmy fosse una danza del 1920, che assomigliava alla Rumba spagnola, dove ci si muoveva come avendo della gelatina sotto i piedi. Fu reso popolare da Gilda Grey che lo ballò nel 1922 nelle Ziegfield Follies di Brodway.

Proveniva dai Vaudeville, cioè dagli spettacoli teatrali di “varietà” urbani dei primi del 900; in queste occasioni veniva ballato associando diverse sequenze, ma senza ordine predefinito.

Fu merito di Willie Bryant e Leonard Reed, ballerini di Tap Dance, che lo adattarono a uno spettacolo verso la fine del 1900 e crearono la forma coreografica che esiste tutt’ora.. Inizialmente lo Shim Sham poteva essere ballato da solo o in coppia, e quando si faceva in gruppo i ballerini erano uniti per le braccia.

Essendo una coreografia di Tap Dance, venn…