Passa ai contenuti principali

La mia serata al Jumpin' Jazz

Sono andata negli anni in molti locali da ballo, dancing, balere, ballroom, club, e via così, e spesso arrivo da sola. Ho una certa esperienza, direi.


Risultati immagini per cosa tira fuori mary poppins dalla borsa?

Non è mai "scontato" arrivare nei posti da sola; è vero che lo swing è un modo di sentire "moderno", che ci sono le "flappers", emancipate e così via, ma per chi arriva solo, soprattutto se femmina, è comunque sempre un match.

Se vai nei posti affollati, ti ritrovi a gironzolare cercando visi noti e salutando qua e là; si perde tempo con il drink in mano e si aspetta che l'atmosfera "salga"... quasi sempre è così, l'atmosfera sale. 
Soprattutto se invece del superfansswingretromaniacale, incontri qualcuno che ti chede di accomodarti al suo tavolo, gradino, posticino, in quel caso l'atmosfera è già salita, perché i "modi" si sa  avanzano sempre il "ballo".

Sabato scorso quindi sono arrivata, appunto da sola, al Jumpin' Jazz di Viale Monza. Ultimamente ci vado spesso, e con il fatto che sto raccogliendo testimonianze per un mio scritto sulla storia del ballo, sono diventata abbastanza "di casa". Questo sabato sono entrata sola, ma aspettavo la mia classe del "martedi". Classe veramente ricca di persone particolarmente intelligenti e singolari.

Rispetto allo standard, il Jumpin è un po' più caro. Costa dodici euro, più il costo molto moderato di una consumazione. Considerando che devo tornare in taxi, i soldi devono essere spesi bene. (Ci sono poche cose che mi spaventano, una è guidare).

Vi presento il locale. Spero di non sbagliarmi, perché le persone con cui ho parlato sono tutte molto cortesi e galanti, ma un po' sbrigative, come se fosse difficile per loro cedere ai ricordi, e invece io sono golosa della storia vecchia.
Il locale è antico. Una volta era costituito anche dalla parte sotto, dove adesso c'è il Ragù. Era frequentato dalla gioventù degli anni cinquanta, quella del cewing gum, dove se portavi gli occhiali eri considerato "handicappato" (sottovoce), e "l'unica era imparare a ballare bene così trovavi la morosa" (Carlo).
Sala da ballo dopo la ristrutturazione del 2013


Il Jumpin è una associazione creata da un gruppo di amici, trent'anni fa; il presidente è il batterista (e amico) Valter Ganda. L'idea di partenza era riprendere  a ballare ascoltando vera musica swing dal vivo, di fatto tutta la musica che si suona (bene) e che si può ballare partendo dal  blues fino ad arrivare ai Beatles.

Sala da ballo dopo il 1956 (divisa dopo il 1996)

E qui sta il punto: al Jumpin' si balla. Non uno stile, si balla swing e basta. Chiamatelo be-bop, boogie woogie, lindy hop, soft o grounded, con o senza calcio, vi assicuro che lì lo swing è vivo e vegeto.
Certo si balla su ricordi di gioventù, si balla come permettono le giunture, si balla perché si ha orecchio ma, a dispetto del triplo o meno step, la postura è ineccepibile ed è difficile che prenda dei calci (gli unici appunto li ho presi dai miei allievi, ehehe...). I più bravi al Jumpin' hanno imparato da soli, ai tempi del dopoguerra, guardando i film, guardando i militari, guardando i "negri".

Un gruppetto di miei allievi ha voluto vedere questo posto perché ne ho parlato a lezione. Così particolare. L'ingresso non si può dire  accogliente, gli abituè pure un po' diffidenti, Valter se sei davanti e parli un po' troppo forte ti  fa ssshh col dito...Però al bancone trovi Silvia (Silvia Colombo che fa i Wunder Market e le ore piccole al Jumping come cameriera) e ancora ha il cuore per postare delle foto strastrepitose della serata, e tutt'intorno ci sono persone che ballano e ancora ballano e ballano ancora, da anni, con passione e determinazione. 




Direte che mi ci trovo bene perché sono di una generazione che se ne sta andando, per nostalgia. Probabile, anche. Ma non solo. Sarò un po' snob, ma il Jumpin' è fuori dai soliti giri. Non è di moda. Si paga dodici euro, ma non ci si schiaccia come in un treno marci in corsa direzione Mirabilandia e Co.




I ragazzi che sono venuti hanno ballato, hanno sofferto, certo, per accontentare le dame, ma hanno proprio ballato, perché lì non ci si pavoneggia, si balla e basta, andando a orecchio. 
E il mio amico Franco, che è un po' matto e continua a scandalizzare i suoi coetanei con le sue movenze da "blues man", era molto felice. Bella cosa.

Forte. Per me, soldi spesi bene.

Commenti

Post popolari in questo blog

SCARPE DA SWING - MILANO

Riprendendo le indicazioni date a lezione, molto dipende dalle condizioni del pavimento, alla quantità di umidità e dalle evoluzioni che siete soliti fare ...
...ma in generale consiglio di usare scarpe con una suola che non faccia attrito. Importante non solo per muoversi agevolmente ma anche per evitare pericolose distorsioni; lo stesso vale per la forma e l'altezza del tacco e del decolté. A tutti consiglio scarpe ben salde con tacco medio o basso con un appoggio solido!
Quali sono le scarpe più adatte come suola:
quelle con il cuoio, quelle con la BUFALINA (specie di camoscio che il calzolaio vi può incollare sulla suola purché liscia) e quelle molto consumate!
Molti usano delle semplici sneakers, di diverse marche, ma più o meno lo stesso modello, che vedete sotto; anche queste meglio se hanno la suola ben consumata o la bufalina attaccata sotto.
In particolare le KEDS (sembra indossate dagli stessi Lindy Hoppers originali) sono le più conosciute. Io mi trovo bene anche con L…

DRESS CODE A TEMA

La frase "Dress code consigliato" compare spesso in calce agli inviti legati al mondo dello swing, del jazz o del rock and roll.
Il linguaggio dell'abito è sempre stato importante e conoscerlo aiuta. Ma qual è il codice adatto? E quali sono gli errori più comuni?

Qualche consiglio per i neofiti.

Potremmo iniziare a capire la tipologia di evento.
E' un ritrovo sociale, con  spettacoli, animazione o mostre o è un ritrovo di ballerini?
E comunque l'evento a che decade fa riferimento? Anni Venti, Trenta, Quaranta o Cinquanta?

Molto si può capire dalla tipologia di flyer.
Se  il nome della band o del Dj è ben evidenziato e centrale, l'evento è quasi certamente legato al social dance.

Ora analizziamolo più da vicino.
Se compaiono parole come crazy, diner, driver, Rock'n'Roll, fifties, pin-up o immagini di jeans con risvolti, bandane colorate e forme procaci siamo di fronte a un evento a tema Anni Cinquanta.





Probabilmente si ballerà jive o boogie woogie, o in alcune oc…

SHIM SHAM

Per chi si affacciasse ora sul piccolo grande modo degli swingers, un piccolo riassunto su una coreografia importante: lo shim sham.



Lo shim sham è un ballo in linea che ci riporta alla radici del ballo swing. Infatti sembra che lo Shimmy fosse una danza del 1920, che assomigliava alla Rumba spagnola, dove ci si muoveva come avendo della gelatina sotto i piedi. Fu reso popolare da Gilda Grey che lo ballò nel 1922 nelle Ziegfield Follies di Brodway.

Proveniva dai Vaudeville, cioè dagli spettacoli teatrali di “varietà” urbani dei primi del 900; in queste occasioni veniva ballato associando diverse sequenze, ma senza ordine predefinito.

Fu merito di Willie Bryant e Leonard Reed, ballerini di Tap Dance, che lo adattarono a uno spettacolo verso la fine del 1900 e crearono la forma coreografica che esiste tutt’ora.. Inizialmente lo Shim Sham poteva essere ballato da solo o in coppia, e quando si faceva in gruppo i ballerini erano uniti per le braccia.

Essendo una coreografia di Tap Dance, venn…