Passa ai contenuti principali

Feel the beat: discorsi alcolici a notte fonda

Questa  settimana ho incontrato una persona, una persona che ha girato il mondo come insegnante di danza e che mi parlava e mentre mi parlava chiedeva ogni tanto una sigaretta, a me o a un altro che ci veniva vicino mentre stavamo sedute a un tavolino, fuori da un locale, dopo una serata, in una strada vecchia, come una volta, a Milano.

Zorba il greco (Zorba the Greek o anche Alexis Zorbas) , 1964.

Insomma lei chiedeva una sigaretta ma mentre la chiedeva mostrava una scatolina verde di latta, arruffata di cartine e meccanismo, e alzando la sua scatolina assicurava di avere il suo tabacco. 
Una stranezza, dico io, a cui si è aggiunto lo scambio di numero di telefono, scambio che ha richiesto un po’ di pazienza, perché gli ultimi numeri le uscivano solo in spagnolo, tutto aspirato, come una babelina numerica che prendesse vita da sé…

Confusione delle lingue, raffigurazione di Gustave Doré


E sempre lei, che è in Italia ormai da troppo tempo, non chiedetele da quanto perché vi risponde che non ha importanza perché è come se non ci fosse stata, a metà di una conversazione piuttosto alcolica sulla danza sociale, lei dice: “ma allora anche  tu sei di questa idea: la danza è una!” io la fisso e mi viene un po' da allargare gli occhi e lei sospira: “Io vivo per questo…” 
Mi fermo qui. Promesso. Niente altri discorsi strani.

Solo "Feel the beat", e non perché sia una frase nuova, ma perché avendolo sentito troppe volte, sempre con un leggero fastidio dentro, ora  forse grazie alla mia amica della scatolina di latta verde, ne ho capito il significato.
Questa è la mia idea, e non è per forza giusta né l’unica possibile, ma a mio avviso il “beat” non centra granché con la competenza musicale, ma ci riporta al primo unico semplice battito che ci accomuna e che trascende, con un po' di pazienza e di immaginazione, linguaggio e sigarette.

Ballare il lindy hop non vuole dire solo imparare i passi, perché questo ballo ha un approccio individualistico, creativo e flessibile. Viene dalla musica e come dice Norma Miller è il “beat” […] nella confusione perfetta del Ballo Sociale  le varie tradizioni hanno stili personali  e variazioni che possono essere incompatibili  con stili e passi di altre tradizioni… Quindi dal primo giorno le mie classi sviluppano  il lavoro in coppia, la flessibilità, l’adattabilità e l’improvvisazione per permettere di ballare  a proprio agio  con partner la cui esperienza viene da qualsiasi tipo di ballo tradizionale. […].Come al Savoy il ballo crea un ponte sulle divisioni culturali e mostra che ciò che abbiamo in comune è molto più grande delle nostre differenze

Da Swing Baby Swing” di Norma Miller, pg. 103.



Social Swing Dance a Milano

Commenti

Post popolari in questo blog

SCARPE DA SWING - MILANO

Riprendendo le indicazioni date a lezione, molto dipende dalle condizioni del pavimento, alla quantità di umidità e dalle evoluzioni che siete soliti fare ...
...ma in generale consiglio di usare scarpe con una suola che non faccia attrito. Importante non solo per muoversi agevolmente ma anche per evitare pericolose distorsioni; lo stesso vale per la forma e l'altezza del tacco e del decolté. A tutti consiglio scarpe ben salde con tacco medio o basso con un appoggio solido!
Quali sono le scarpe più adatte come suola:
quelle con il cuoio, quelle con la BUFALINA (specie di camoscio che il calzolaio vi può incollare sulla suola purché liscia) e quelle molto consumate!
Molti usano delle semplici sneakers, di diverse marche, ma più o meno lo stesso modello, che vedete sotto; anche queste meglio se hanno la suola ben consumata o la bufalina attaccata sotto.
In particolare le KEDS (sembra indossate dagli stessi Lindy Hoppers originali) sono le più conosciute. Io mi trovo bene anche con L…

BoogieWoogie versus Rockabilly: il sorpasso

Lombardia  anni Cinquanta, arriva il  boogie woogie: il ballo simbolo, che dallo swing delle grandi orchestre, al rhythm and blues, al country approda al rock and roll e finisce (ahimé) sui ritmi anni Settanta.
Emilia anni Novanta, arriva il  rockabilly, una cultura che nasce nel sud, si ricolloca nel nord e fissa un unico denominatore comune: la musica.
Il ballo, il jive c'è ma è marginale. Arriva dopo.

Storie diverse che io leggo così: nel boogie vedo una generazione antica, nel rockabilly una generazione vintage. La differenza è questa sacca temporale che anima i "revival": se c'è il fenomeno diventa "cool", si arricchisce dell'impossibile.

"Al pari di New Orleans anche Menphis è terribilmente offuscata da miti e leggende. I visitatori arrivano da tutto il mondo in cerca di qualcosa che non c'è più.[...] Dal ciuffo perfettamente impomatato, all'accendino Zippo e alla sigaretta dietro all'orecchio, il giapponese è affascinato e soggio…

SHIM SHAM

Per chi si affacciasse ora sul piccolo grande modo degli swingers, un piccolo riassunto su una coreografia importante: lo shim sham.



Lo shim sham è un ballo in linea che ci riporta alla radici del ballo swing. Infatti sembra che lo Shimmy fosse una danza del 1920, che assomigliava alla Rumba spagnola, dove ci si muoveva come avendo della gelatina sotto i piedi. Fu reso popolare da Gilda Grey che lo ballò nel 1922 nelle Ziegfield Follies di Brodway.

Proveniva dai Vaudeville, cioè dagli spettacoli teatrali di “varietà” urbani dei primi del 900; in queste occasioni veniva ballato associando diverse sequenze, ma senza ordine predefinito.

Fu merito di Willie Bryant e Leonard Reed, ballerini di Tap Dance, che lo adattarono a uno spettacolo verso la fine del 1900 e crearono la forma coreografica che esiste tutt’ora.. Inizialmente lo Shim Sham poteva essere ballato da solo o in coppia, e quando si faceva in gruppo i ballerini erano uniti per le braccia.

Essendo una coreografia di Tap Dance, venn…