mercoledì 23 agosto 2017

VINTAGE MOOD: abito vintage su misura

Per gli appassionati di stile retrò (e di balli vintage), in questo post vi spiego come mi diverto a creare dei capi unici senza spendere troppo!
Molti negozi lo propongono, il vintage style, sia grandi magazzini che i negozi specializzati.
Per quanto mi riguarda, pur ammirando lo stile fuori dal tempo del secolo scorso, non amo i capi usati. Spesso sono troppo delicati e, a dirla tutta, mi fa un po' effetto indossare l'abito di qualcun altro.
Oltre a questo, confesso che non sono neanche un'amante dei grandi magazzini e del prét-à-poter. Mi piacciono i capi originali, pensati su di me o su chi li deve portare.

I ballerini che vedete in queste foto indossano degli abiti che ho creato per l'occasione, tipo festival, spettacoli o semplici serate di social swing dance.



 


Rassicuratevi, non dovete imparare a cucure! 

Ecco come faccio.

STEP N. 1

Prima cosa. A tempo perso mi sparo un po' di video storici, foto e immagini a tema anni Venti, Trenta, Quaranta o Cinquanta e mi faccio un'idea (vedi i miei post precedenti, tipo Dress code e social dance!

STEP N. 2

Esploro i cartamodelli d'epoca (Pinterest ne è ricco).




Notate le somiglianze?





STEP n. 3

Mi faccio un giro al mercato. 
Se amate i mercatini specializzati in vintage vanno benissimo, e lo stesso anche i negozi tipo Babet, Ambroeus, Humana Vintage, nonché tutte le feste da oratorio, beneficenza, e i Garage Market.
Io prima di tutto però mi faccio un bel giro al mercato, quello classico, con carrozzine e gente di tutti i colori e prezzi che sfiorano l'euro al pezzo (sempre più bassi per la crisi), ad esempio il mercato di viale Papiniano il sabato o quello di via Vespri Siciliani il mercoledì mattina, o anche  la bancarella indiana sotto casa...
Spesso con pochi euro (max dieci) trovo qualcosa che con un po' di fantasia è quasi perfetto.
Da qui semplicemente ispirandomi ai cartamodelli, lo faccio modificare. 





E' incredibile come sia più semplice per un sarto copiare o lavorare su un capo in stoffa reale, sia che vogliate solo modificarlo sia che vogliate copiarlo per rifarlo ex novo.

Spesa media per gli adattamenti venti euro di sartoria orientale.

STEP. n. 4
Se voglio una stoffa particolare, semplicemente più pregiata o se le modifiche sono così importanti, con il modello da pochi euro e il cartamodello, vado  in un negozio di stoffe. Mooolto importante che la persona al banco sia competente!!!



EmmePi Tessuti - Milano

Settimana scorsa ho fatto un po' di spese, poi vi farò vedere il risultato! 



Quello che ho speso per farmi confezionare tre capi
Le stoffe


Le idee che ho in mente



Step n. 5:

E infine vado dalla magica sarta cinese. La Cina ha una tradizione incredibile in sartoria e se trovate la persona giusta, vi farà un capo ex novo con poche decine di euro! 





 

E questo è tutto! Al prosimo post su capelli e fantasia!
:-)


domenica 13 agosto 2017

Swing adolescente



Sara oh Connor (Terminator 1984) è una super-donna, un'eroina: difende suo figlio (il mondo) lasciandoci una bella immagine di sé, su una jeep, spettinata e con le occhiaie, in compagnia di un mitra e di un pastore tedesco.
Insomma una combattente.
Ora va bene essere un guerriero.
Ma ...

L'altra sera un bel ragazzo, un ballerino, così simpatico, mi ha detto una cosa che mi è rimasta in mente; mi ha detto che lui era sicuro che di tutto il ballo la sua partner si sarebbe ricordata solo della volta in cui avesse sbagliato. Dell'errore. 


Ma no, ho pensato io... possibile? E sono rimasta lì. Senza parole.


Torniamo a Sara oh Connor, che non può sbagliare, e salutiamo chi a settembre vorrà iniziare un corso di ballo. Più o meno spontaneamente, più o meno colmo di ansie o aspettative.




Tutti lo dicono e io lo ripeto. Ci sono molti bei perché per iniziare a ballare 

E' bello mettersi in gioco.
Cambiare stile.
Sentire fame e sete dopo.
E' bello imparare.

Ma tornando alle eroine e agli eroi quotidiani e al mio amico ballerino. La cosa più bella nella danza sociale è che l'errore non fa danni e questo conforta. In un tempo senza tempo puoi essere vulnerabile, tornare adolescente, fidarti, dare la mano a uno sconosciuto e ballarci assieme nella certezza che l'errore fa parte del ballo e l'unica cosa che può fare è farlo crescere.

Questo è molto importante e sono certa che il mio amico ballerino parlava di palcoscenici, di performance, di esibizioni, e non di swing sociale

Quindi concludendo amici, va bene Sara oh Connor con gli anfibi ma non dimenticate l'incanto delle scarpette rosse.

Beginners welcome!





...