Passa ai contenuti principali

BALERA DELL'ORTICA

luglio 2013 


Le origini di questo locale milanese, la Balera dell'Ortica,  sono da ricercare nella vecchia  stazione di Lambrate che risale al 1873. La stazione, ovviamente inutilizzata, è ancor oggi esistente, a lato del Cavalcavia Buccari.





Il Fabbricato Viaggiatori era utilizzato anche come Circolo Ricreativo, o Dopo Lavoro Ferroviario.


Il  Dopo Lavoro Ferroviario era un luogo di aggregazione, non solo per i dipendenti delle ferrovie:  luogo di ballo per i cittadini, bocciofila, spazio sociale.
Si ballava esclusivamente il liscio. Le bocciofile erano uno degli elementi attorno a cui girava la socialità urbana.



Dopo 15 anni di silenzio nel 2012 grazie alla famiglia Di Furia, che prende in gestione gli spazi, la Balera riapre i cancelli.





Il ballo è il filo conduttore, rispettando la bocciofila interna e l'idea del Circolo. 
La novità è la trattoria, gestita da mamma Rita Di Furia.


Le sorelle Marina e Veronica Di Furia intraprendono iniziative giovanili come il Garage Market.

Tali iniziative, più la deliziosa accoglienza dei "vecchi boogiesti", storici ballerini milanesi,  avvicinano un pubblico giovane e moderno alla clientela più storica. 



Papa Antonio di Furia consolida infatti una clientela tradizionale, legata al mondo del liscio e del boogie woogie milanese, che dal dopoguerra anima le balere di Milano e dintorni.


Così sulla pista della Balera, nelle serate di boogie woogie, (solo per citarne alcuni)  troviamo personaggi come "Il pirata" dall'inconfondibile copricapo, Cochise (come il capo della tribù apache) per i lunghi capelli corvini che portava negli anni settanta, Cesare, gentiluomo d'altri tempi, che non manca di farti ballare con garbo e gentilezza, e il mitico Damiano, galante e intramontabile dongiovanni.




Sulla pista abbiamo veramente una eterogeneità di persone, con un comune denominatore: si divertono tutti, spensiaratamente. Dimentichi i pensieri, dimentichi l'età, dimentichi le lezioni di ballo e tutto quello che ci gira attorno e  semplicemente ti godi la serata estiva. 





Descrizione tecnica:
Info e prenotazione dopo le ore 14.00: Telefono fisso 0270128680 -
Entrata: dai 7 ai 10 euro compreso di consumazione
Prenotazione: consigliabile per la cena 
Cena a menu fisso: 20 euro in pista da ballo
Pavimento: perfettamente liscio
Scarpe consigliate: gomma 
Consigli: portare l'autan

Commenti

Post popolari in questo blog

SCARPE DA SWING - MILANO

Riprendendo le indicazioni date a lezione, molto dipende dalle condizioni del pavimento, alla quantità di umidità e dalle evoluzioni che siete soliti fare ...
...ma in generale consiglio di usare scarpe con una suola che non faccia attrito. Importante non solo per muoversi agevolmente ma anche per evitare pericolose distorsioni; lo stesso vale per la forma e l'altezza del tacco e del decolté. A tutti consiglio scarpe ben salde con tacco medio o basso con un appoggio solido!
Quali sono le scarpe più adatte come suola:
quelle con il cuoio, quelle con la BUFALINA (specie di camoscio che il calzolaio vi può incollare sulla suola purché liscia) e quelle molto consumate!
Molti usano delle semplici sneakers, di diverse marche, ma più o meno lo stesso modello, che vedete sotto; anche queste meglio se hanno la suola ben consumata o la bufalina attaccata sotto.
In particolare le KEDS (sembra indossate dagli stessi Lindy Hoppers originali) sono le più conosciute. Io mi trovo bene anche con L…

DRESS CODE A TEMA

La frase "Dress code consigliato" compare spesso in calce agli inviti legati al mondo dello swing, del jazz o del rock and roll.
Il linguaggio dell'abito è sempre stato importante e conoscerlo aiuta. Ma qual è il codice adatto? E quali sono gli errori più comuni?

Qualche consiglio per i neofiti.

Potremmo iniziare a capire la tipologia di evento.
E' un ritrovo sociale, con  spettacoli, animazione o mostre o è un ritrovo di ballerini?
E comunque l'evento a che decade fa riferimento? Anni Venti, Trenta, Quaranta o Cinquanta?

Molto si può capire dalla tipologia di flyer.
Se  il nome della band o del Dj è ben evidenziato e centrale, l'evento è quasi certamente legato al social dance.

Ora analizziamolo più da vicino.
Se compaiono parole come crazy, diner, driver, Rock'n'Roll, fifties, pin-up o immagini di jeans con risvolti, bandane colorate e forme procaci siamo di fronte a un evento a tema Anni Cinquanta.





Probabilmente si ballerà jive o boogie woogie, o in alcune oc…

SHIM SHAM

Per chi si affacciasse ora sul piccolo grande modo degli swingers, un piccolo riassunto su una coreografia importante: lo shim sham.



Lo shim sham è un ballo in linea che ci riporta alla radici del ballo swing. Infatti sembra che lo Shimmy fosse una danza del 1920, che assomigliava alla Rumba spagnola, dove ci si muoveva come avendo della gelatina sotto i piedi. Fu reso popolare da Gilda Grey che lo ballò nel 1922 nelle Ziegfield Follies di Brodway.

Proveniva dai Vaudeville, cioè dagli spettacoli teatrali di “varietà” urbani dei primi del 900; in queste occasioni veniva ballato associando diverse sequenze, ma senza ordine predefinito.

Fu merito di Willie Bryant e Leonard Reed, ballerini di Tap Dance, che lo adattarono a uno spettacolo verso la fine del 1900 e crearono la forma coreografica che esiste tutt’ora.. Inizialmente lo Shim Sham poteva essere ballato da solo o in coppia, e quando si faceva in gruppo i ballerini erano uniti per le braccia.

Essendo una coreografia di Tap Dance, venn…