Passa ai contenuti principali

KEEP THE FAITH & DON'T STOP DANCING! I NUOVI EROI

Vogliamo conoscere un'altra Way of Life? Parliamo di Northern Soul.



The New Faces (Dean Chalkley)


"Mods wanted a musical sound as distinct as their style in clothing [...] 
a goal in being a Mod was to be original.

da Working Class Heroes: Rock Music and British Society in the 1960s and 1970s, David Simonelli


Nato dalla ricerca di una identità, mod,  questo "soul minore" lontano dal mercato musicale di massa, vestito di un look originale fatto di particolari , rappresentava una subcultura: adolescenti della classe operaia dell'Inghilterra del Nord degli anni Sessanta/Settanta che attraverso questo ballo dalle movenze ritmiche e comunitarie si distinguevano.



Oggi non c'è più lotta tra band, gli scontri rockers e mod, che si azzuffavano per stabilire delle identità, sono acqua passata. La  "retròmania" ha prodotto un'altra amalgama, introducendo l'abbigliamento fifty in un ambiente che all'inizio ostentava la lambretta italiana contro il modello americano rappresentato dai levi's e delle motociclette.


Quadrophenia, 1979 diretto da Franc Roddam

Haynes The Ultimate Guide To Northern Soul:
Northern Soul Fashion


Esplosivo nelle sue performance fisiche, il ballo è sopravvissuto alla subcultura, ma trattandosi ancora di radici "black", che è la cultura per eccellenza, mantiene un suo stile distintivo molto "cool".





La torcia simbolo del N.S. è passata gelosamente di mano tra i D.J e i ballerini, che adesso sulla dancefloor "just wear what you feel comfortable in!", riescono a combinare le acrobazie e l'adrenalina dell'adolescenza con l'energia appassionata e aggregante degli spirituals. 

Keep the faith!


Northern Soul, 2014, regia di Elaine Constantine


Sharon Finch è stata la prima insegnante a tenere dei corsi professionali di Northern Soul Dance presso la scuola di Huddersfield, Regno Unito.

Soul O’Session Italian Northern Soul Dance Society è il gruppo che rappresenta il Northern Soul in Italia.


Commenti

Post popolari in questo blog

SCARPE DA SWING - MILANO

Riprendendo le indicazioni date a lezione, molto dipende dalle condizioni del pavimento, alla quantità di umidità e dalle evoluzioni che siete soliti fare ...
...ma in generale consiglio di usare scarpe con una suola che non faccia attrito. Importante non solo per muoversi agevolmente ma anche per evitare pericolose distorsioni; lo stesso vale per la forma e l'altezza del tacco e del decolté. A tutti consiglio scarpe ben salde con tacco medio o basso con un appoggio solido!
Quali sono le scarpe più adatte come suola:
quelle con il cuoio, quelle con la BUFALINA (specie di camoscio che il calzolaio vi può incollare sulla suola purché liscia) e quelle molto consumate!
Molti usano delle semplici sneakers, di diverse marche, ma più o meno lo stesso modello, che vedete sotto; anche queste meglio se hanno la suola ben consumata o la bufalina attaccata sotto.
In particolare le KEDS (sembra indossate dagli stessi Lindy Hoppers originali) sono le più conosciute. Io mi trovo bene anche con L…

BoogieWoogie versus Rockabilly: il sorpasso

Lombardia  anni Cinquanta, arriva il  boogie woogie: il ballo simbolo, che dallo swing delle grandi orchestre, al rhythm and blues, al country approda al rock and roll e finisce (ahimé) sui ritmi anni Settanta.
Emilia anni Novanta, arriva il  rockabilly, una cultura che nasce nel sud, si ricolloca nel nord e fissa un unico denominatore comune: la musica.
Il ballo, il jive c'è ma è marginale. Arriva dopo.

Storie diverse che io leggo così: nel boogie vedo una generazione antica, nel rockabilly una generazione vintage. La differenza è questa sacca temporale che anima i "revival": se c'è il fenomeno diventa "cool", si arricchisce dell'impossibile.

"Al pari di New Orleans anche Menphis è terribilmente offuscata da miti e leggende. I visitatori arrivano da tutto il mondo in cerca di qualcosa che non c'è più.[...] Dal ciuffo perfettamente impomatato, all'accendino Zippo e alla sigaretta dietro all'orecchio, il giapponese è affascinato e soggio…

SHIM SHAM

Per chi si affacciasse ora sul piccolo grande modo degli swingers, un piccolo riassunto su una coreografia importante: lo shim sham.



Lo shim sham è un ballo in linea che ci riporta alla radici del ballo swing. Infatti sembra che lo Shimmy fosse una danza del 1920, che assomigliava alla Rumba spagnola, dove ci si muoveva come avendo della gelatina sotto i piedi. Fu reso popolare da Gilda Grey che lo ballò nel 1922 nelle Ziegfield Follies di Brodway.

Proveniva dai Vaudeville, cioè dagli spettacoli teatrali di “varietà” urbani dei primi del 900; in queste occasioni veniva ballato associando diverse sequenze, ma senza ordine predefinito.

Fu merito di Willie Bryant e Leonard Reed, ballerini di Tap Dance, che lo adattarono a uno spettacolo verso la fine del 1900 e crearono la forma coreografica che esiste tutt’ora.. Inizialmente lo Shim Sham poteva essere ballato da solo o in coppia, e quando si faceva in gruppo i ballerini erano uniti per le braccia.

Essendo una coreografia di Tap Dance, venn…