Passa ai contenuti principali

LINDY HOP SOLO MODA O RISCOPERTA?


Il mercato spesso propone cliché new old come un "modo per vivere il tempo", dove la "moda" e la ricerca estetica, orientata al vintage, diventano un valore.
Mi spiego: l'abito, giusto o meno,  è sempre stato un simbolo; di una fede, di una ideologia, di uno status.
Nei tempi moderni invece il look è edonista. La "moda" stessa diventa l'dea.




Intervento di Elena Calafato @Scighera 5 marzo 2017
Moda e Costume degli anni Trenta

Tutto vero, in molti casi, ma.... se indaghiamo un po' meglio dietro il fenomeno "vintage" e in particolare guardiamo dietro la scena swing, che, notate bene,  trascende le generazioni, possiamo trovare dell'altro. 
E il vuoto di cui parlavo prima si riempie di contenuti.
Vediamone uno.





Lo "swing way of life" è vero si nutre di estetica ovvero dell'immagine vintage che questo ballo propone. Ma se non ci fermiamo all'apparenza,  e andiamo oltre gli accessori o abiti a tema, riusciamo a vedere il valore a cui quella moda rimanda: la femminilità.

Una femminilità tutta nuova, morbida eppure elegante,  discreta seppure pratica, che senza abbandonare le conquiste del periodo delle flappers non è ancora arrivata agli eccessi del rock. 
Ed proprio questo stile femmineo che le nostre ballerine da un lato e i nostri ballerini dall'altro lato, amano tanto e che cercano di reinterpretare in chiave moderna.




E qui non si tratta solo di "look" ma di nuovi ruoli o meglio vecchi ruoli riscoperti dalla coppia che swinga. Dama e cavaliere  dialogano nel reciproco rispetto. E questa chiara divisione di ruoli ci seduce. E il vestito ne è il simbolo: femminile, a curve contenute, che dice molto senza ostentare.




Quindi tornando all'inizio, l'estetica vintage dei nostri balli sottende contenuti importanti; ci parla ad esempio di fragilità dei ruoli moderni e di ricerca di nuovi riferimenti, su cui si potrebbe ragionare a lungo.



Commenti

  1. oltre al Lindy Hop, ballo anche il Boogie woogie, Salsa e Bachata. Il ballo che mi piace di più è il Boogie Woogie perché mi trasmette più energia e per l'abbigliamento delle donne con le gonne a pois. Però devo dire che ogni donna è diversa, ognuna ha la sua maniera di ballare, come noi uomini del resto. Poi conta anche l'ambiente: non riuscirei a vedere il lindy hop in discoteca.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

SCARPE DA SWING - MILANO

Riprendendo le indicazioni date a lezione, molto dipende dalle condizioni del pavimento, alla quantità di umidità e dalle evoluzioni che siete soliti fare ...
...ma in generale consiglio di usare scarpe con una suola che non faccia attrito. Importante non solo per muoversi agevolmente ma anche per evitare pericolose distorsioni; lo stesso vale per la forma e l'altezza del tacco e del decolté. A tutti consiglio scarpe ben salde con tacco medio o basso con un appoggio solido!
Quali sono le scarpe più adatte come suola:
quelle con il cuoio, quelle con la BUFALINA (specie di camoscio che il calzolaio vi può incollare sulla suola purché liscia) e quelle molto consumate!
Molti usano delle semplici sneakers, di diverse marche, ma più o meno lo stesso modello, che vedete sotto; anche queste meglio se hanno la suola ben consumata o la bufalina attaccata sotto.
In particolare le KEDS (sembra indossate dagli stessi Lindy Hoppers originali) sono le più conosciute. Io mi trovo bene anche con L…

SHIM SHAM

Per chi si affacciasse ora sul piccolo grande modo degli swingers, un piccolo riassunto su una coreografia importante: lo shim sham.



Lo shim sham è un ballo in linea che ci riporta alla radici del ballo swing. Infatti sembra che lo Shimmy fosse una danza del 1920, che assomigliava alla Rumba spagnola, dove ci si muoveva come avendo della gelatina sotto i piedi. Fu reso popolare da Gilda Grey che lo ballò nel 1922 nelle Ziegfield Follies di Brodway.

Proveniva dai Vaudeville, cioè dagli spettacoli teatrali di “varietà” urbani dei primi del 900; in queste occasioni veniva ballato associando diverse sequenze, ma senza ordine predefinito.

Fu merito di Willie Bryant e Leonard Reed, ballerini di Tap Dance, che lo adattarono a uno spettacolo verso la fine del 1900 e crearono la forma coreografica che esiste tutt’ora.. Inizialmente lo Shim Sham poteva essere ballato da solo o in coppia, e quando si faceva in gruppo i ballerini erano uniti per le braccia.

Essendo una coreografia di Tap Dance, venn…

DRESS CODE A TEMA

La frase "Dress code consigliato" compare spesso in calce agli inviti legati al mondo dello swing, del jazz o del rock and roll.
Il linguaggio dell'abito è sempre stato importante e conoscerlo aiuta. Ma qual è il codice adatto? E quali sono gli errori più comuni?

Qualche consiglio per i neofiti.

Potremmo iniziare a capire la tipologia di evento.
E' un ritrovo sociale, con  spettacoli, animazione o mostre o è un ritrovo di ballerini?
E comunque l'evento a che decade fa riferimento? Anni Venti, Trenta, Quaranta o Cinquanta?

Molto si può capire dalla tipologia di flyer.
Se  il nome della band o del Dj è ben evidenziato e centrale, l'evento è quasi certamente legato al social dance.

Ora analizziamolo più da vicino.
Se compaiono parole come crazy, diner, driver, Rock'n'Roll, fifties, pin-up o immagini di jeans con risvolti, bandane colorate e forme procaci siamo di fronte a un evento a tema Anni Cinquanta.





Probabilmente si ballerà jive o boogie woogie, o in alcune oc…