Passa ai contenuti principali

L'arte di scegliere il proprio ruolo

Le differenze di "genere" nel ballo sociale contano? 
In una pista da ballo che tanto raccoglie di evasione e libertà, parlare di "ruoli" ha senso?




La famosa foto del '45 di Alfred Eisenstaedt. Un marinaio baciava una giovane donna americana, nei momenti susseguenti all’annuncio del presidente Truman che il Giappone era stato sconfitto. La foto fu pubblicata dal settimanale Life. 

O sarebbe meglio parlare di leader e follower, senza nessun riferimento al "sesso" o meglio ancora di ballerini, senza parlare di "ruoli", persone, ognuno libero di cercare o interpretare il proprio ecclettico personaggio?


Some Like It Hot, 1959


Parentesi su di me....: a sette anni oltre alla sindrome di Peter Pan (non volevo compiere otto anni), io avevo anche il complesso di Edipo: avrei tanto voluto essere un bambino. 
Ero una piccola milanese occhialuta e l'emancipazione femminile, il '68 coi suoi doverosi eccessi, non era ancora nella mia di storia.


Proteste-femministe-anni-70

Adesso che sono grande e fare la donna mi piace molto, ho imparato anche che la diversità, termine in via d'estinzione, esiste e che ogni diversità racconta una storia e tra le storie più grandi, l'ombrello che raccoglie tante storie individuali, c'è quella di "genere". E dal genere al  ruolo il passo (per rimanere in tema) è breve...

Risultati immagini per balli anni sessanta
Il twist, di lontane origini tribali, ripreso come movenze nei balli di coppia, venne lanciato da Chubby Checker nel 1960 diventando  il capostipide dei balli "bianchi di coppia" in solo.

Nei primi decenni del Novecento, le ragazze emancipate hanno dato una bella scossa ai "giochi di ruolo".
Partiamo delle soubrette di colore protagoniste indiscusse del teatro.

Risultati immagini per josephine baker
"In the photo below, we see a young Baker reveling in her newfound fame as part of the legendary dance troupe, La Revue Nègre." Dana Oliver, Executive Fashion And Beauty Editor, The Huffington Post

Guardiamo la scena bianca dei primi decenni del Novecento, con le flappers, le loro sigarette e il loro ridere e squotersi liberamente in pubblico.

Risultati immagini
Le Flapper Girls cavalcano proprio l’onda degli Anni Ruggenti, che vedono l’interesse sempre maggiore per il jazz e il dadaismo. Sono donne emancipate, donne che lavorano, donne che si vestono in maniera completamente differente dal passato.**

La danza tribale incontra la società europea, già scossa prima dal Valzer e poi dal Tango, e trasforma una forma di comunicazione ritmica come lo Juba, in una composta performance di coppia, come il partner charleston.


Risultati immagini per lo juba danza africana
Juba”, o “Pattin’ Juba” (“Djouba” ad Haiti) era prima di tutto una danza di antica origine africana che gli schiavi neri nella Guyana olandese, nei Caraibi e nel sud degli States ripresero ed adattarono forse già nel XVII secolo, quando l’uso di strumenti, in particolare a percussione, era severamente vietato e punito nelle piantagioni, perchè i bianchi pensavano che servisse agli schiavi per trasmettere tra loro informazioni in codice. ***

Tornando ai ruoli. Le danze grossolanamente dette "africane" non erano di coppia così come la intendiamo noi e dalla loro storia, che è diversa dalla nostra, nulla di più possibile che veder crescere protagonisti dello stesso sesso a completamento di una performance in single.


Al Minns & Leon James . From the documentary: DANCE TIME RESEARCH #1. Two of the all time great swing dancers give us a look at several variations of the Charleston.

Nel presente le sorelle DecaVitas sono un bell'esempio (la coppia nel lindy hop sociale così come nelle competizioni a tutti i livelli, non è regolata dal genere e neanche dall'età, notate!, come invece facciamo in Italia in campo sportivo).

Emelie and Rebecka are instructors and performers of Lindy Hop and other vintage swing dances. They are based in Stockholm, Sweden, but teach and perform all over the world.

E anche noi di Milano, nel nostro piccolo, ce la caviamo niente male...


Credit Antonio di Canito



Tutto ciò  sembra in contrasto con quanto l'amico e filosofo Andrea  Colasuonno, mi ha suggerito come una delle componenti che hanno contribuito al successo del lindy hop (intervista per Q Code Magazine del 2016):

<<Potrebbe essere anche che la nostra generazione non è più abituata a ballare in coppia, e una cosa del genere aiuti a ristabilire degli equilibri e delle dinamiche a cui piano piano ci siamo disabituati?>>****


Sì, certo. Definire inizialmente semplifica e rassicura.

Il difficile però viene dopo, cioè nel capire il ruolo dell'altro.
Lragazze che si sono iscritte nelle mie classi da leader, (hanno in genere una storia da follower), attorniate da dame petulanti e affamate di ballo, iniziano a comprendere perché a lezione quando dico: <<bisogna imparare che nello swing ci sono due ruoli, c'è chi guida e c'è chi segue...>>, la metà dei leader uomini presenti inizia a sudare e la metà all'opposto è felice...!!
Questa è la cosa più divertente del gioco di ruolo che nel ballo facciamo veramente, intendo veramente, con un contatto vero:  non serve eliminare la parola "diverso" dal vocabolario,  basta ballare, e il diverso è lì di fronte a voi! Uomo, donna, giovane, vecchio, alle prime armi o navigato, eccola lì, la benedetta diversità. Ora tocca a noi. 
Vogliamo o non vogliamo esultare nel ballo? E la domanda è: cosa ci fa esultare di più? 
Chiaro che la risposta è anche lei molto "diversa".

<< If you make a mistake, get all tangled up, you just tango on.>>

(Al Pacino, Scent of a Woman, 1992).



Crediti:
https://www.goccediperle.it/mitici-anni-60/
http://letteradonna.it/236223/istat-statistica-storia-donne-italia/
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=49433&lang=it
http://www.girodivite.it/Il-Bacio-di-Francesco-Hayez.html
http://www.huffingtonpost.com/2013/05/14/josephine-baker-beauty-photos_n_3267033.html*
http://losbuffo.com/2015/05/05/moda-dopoguerra-flapper-girls/**
https://www.thedecavitas.com/
http://www.ladanza.dance/danza-sportiva/tip-tap/***
http://www.qcodemag.it/2016/10/17/la-nuova-travolgente-scena-swing-milanese/****






Commenti

Post popolari in questo blog

SCARPE DA SWING - MILANO

Riprendendo le indicazioni date a lezione, molto dipende dalle condizioni del pavimento, alla quantità di umidità e dalle evoluzioni che siete soliti fare ...
...ma in generale consiglio di usare scarpe con una suola che non faccia attrito. Importante non solo per muoversi agevolmente ma anche per evitare pericolose distorsioni; lo stesso vale per la forma e l'altezza del tacco e del decolté. A tutti consiglio scarpe ben salde con tacco medio o basso con un appoggio solido!
Quali sono le scarpe più adatte come suola:
quelle con il cuoio, quelle con la BUFALINA (specie di camoscio che il calzolaio vi può incollare sulla suola purché liscia) e quelle molto consumate!
Molti usano delle semplici sneakers, di diverse marche, ma più o meno lo stesso modello, che vedete sotto; anche queste meglio se hanno la suola ben consumata o la bufalina attaccata sotto.
In particolare le KEDS (sembra indossate dagli stessi Lindy Hoppers originali) sono le più conosciute. Io mi trovo bene anche con L…

SHIM SHAM

Per chi si affacciasse ora sul piccolo grande modo degli swingers, un piccolo riassunto su una coreografia importante: lo shim sham.



Lo shim sham è un ballo in linea che ci riporta alla radici del ballo swing. Infatti sembra che lo Shimmy fosse una danza del 1920, che assomigliava alla Rumba spagnola, dove ci si muoveva come avendo della gelatina sotto i piedi. Fu reso popolare da Gilda Grey che lo ballò nel 1922 nelle Ziegfield Follies di Brodway.

Proveniva dai Vaudeville, cioè dagli spettacoli teatrali di “varietà” urbani dei primi del 900; in queste occasioni veniva ballato associando diverse sequenze, ma senza ordine predefinito.

Fu merito di Willie Bryant e Leonard Reed, ballerini di Tap Dance, che lo adattarono a uno spettacolo verso la fine del 1900 e crearono la forma coreografica che esiste tutt’ora.. Inizialmente lo Shim Sham poteva essere ballato da solo o in coppia, e quando si faceva in gruppo i ballerini erano uniti per le braccia.

Essendo una coreografia di Tap Dance, venn…

DRESS CODE A TEMA

La frase "Dress code consigliato" compare spesso in calce agli inviti legati al mondo dello swing, del jazz o del rock and roll.
Il linguaggio dell'abito è sempre stato importante e conoscerlo aiuta. Ma qual è il codice adatto? E quali sono gli errori più comuni?

Qualche consiglio per i neofiti.

Potremmo iniziare a capire la tipologia di evento.
E' un ritrovo sociale, con  spettacoli, animazione o mostre o è un ritrovo di ballerini?
E comunque l'evento a che decade fa riferimento? Anni Venti, Trenta, Quaranta o Cinquanta?

Molto si può capire dalla tipologia di flyer.
Se  il nome della band o del Dj è ben evidenziato e centrale, l'evento è quasi certamente legato al social dance.

Ora analizziamolo più da vicino.
Se compaiono parole come crazy, diner, driver, Rock'n'Roll, fifties, pin-up o immagini di jeans con risvolti, bandane colorate e forme procaci siamo di fronte a un evento a tema Anni Cinquanta.





Probabilmente si ballerà jive o boogie woogie, o in alcune oc…