Passa ai contenuti principali

Lo swing liquido: cambio di scena

Swing Crash in Italia rappresenta "Il Festival".

E' doveroso andare per chi come me vuole annusare la scena... tanta gente, super le band, bravi i ballerini, bello lo show; principianti e curiosi con la bocca aperta e pieni di buone intenzioni per il prossimo anno, un po' di scarsa attenzione per la musica e i musicisti... in generale, bella atmosfera, per lo meno dal mio punto di vista, e tutto più o meno uguale.
Tutto, tutto però no, anzi direi che c'è stata una cosa che mi ha proprio colpito, una novità bella e buona.

Al Minns e Leon James, Jazz Dancer (1951), ⒸClemens Kalischer



Era da un po' che questa novità mi ronzava intorno e che avevo già assaggiato a Torino nel 2015 vedendo a Manuel Micheli partecipare a un Jack and Jill, e qui ho trovato la vera differenza.

Vi spiego.

Lindy Hop at the New York World's Fair, 1939

Anni fa quando ho cominciato a studiare questo ballo eravamo veramente in pochi a Milano. Io mi esercitavo con una bastone con le rotelle; è da non credere, ma mi ero veramente costruita una scopa con le ruote, le avevo messo anche la faccia e le braccia a molla, insomma, immaginate un po'.

La foto completa non ce l'ho, ma queste sono le ruote! Il progetto è del mio amico Italo. 


Oltre alla scopa, giravo per questi festival infiniti, cercando di capire e chiaramente facevo entrambi i ruoli, leader, che è chi conduce e follower, che è chi segue.

Non era facile. Ma non tanto per lo studio, quanto perché alle serate quando invitavo le signorine cool, tutte infiocchettate per l'occasione, ecco, sì magari accettavano, ma l'entusiasmo era tutto diverso se le invitava un cavaliere.

Questa cosa era un po' avvilente.

Ora a Swing Crash, per rompere il ghiacchio ho passato i "cancelli", (consiglio: sempre rompere subito il ghiaccio appena arrivate, mai fermarsi a guardare gli altri!) e ho chiesto di ballare a una ragazza in attesa. 

Scena cambiata totalmente! Era strafelice di ballare con me, e la gente intorno o meglio fuori dal "recinto" stracontenta di vederci ballare, intendo due ragazze, o dame, insomma ci hanno fotografato e tutto e così via.

Mi dico, forse perché dopo tanti sforzi ho imparato a ballare da leader.
Ma non penso sia così. 
E infatti la scena continua: quando mi sono trovata un posticino tranquillo su una panchina, (proprio vicino a una signora che sventagliava, che bello!), davanti a me chi vedo? Ben due coppie di ragazzi che ballavano assieme.



E allora ho capito.
Ecco la nuova tendenza del momento, che ci sta con il rifiuto delle appartenenze, che collima con le origini del nostro ballo e la filosofia del jazz e che tanto dice sui mondi virtuali e i suoi virus.

La coppia omo è diventata di moda.

Ragazze e ragazzi, datemi retta, lo swing liquido va alla grande, se volete essere la crème de la crème iscrivetevi nel ruolo inverso!

Commenti

Post popolari in questo blog

SCARPE DA SWING - MILANO

Riprendendo le indicazioni date a lezione, molto dipende dalle condizioni del pavimento, alla quantità di umidità e dalle evoluzioni che siete soliti fare ...
...ma in generale consiglio di usare scarpe con una suola che non faccia attrito. Importante non solo per muoversi agevolmente ma anche per evitare pericolose distorsioni; lo stesso vale per la forma e l'altezza del tacco e del decolté. A tutti consiglio scarpe ben salde con tacco medio o basso con un appoggio solido!
Quali sono le scarpe più adatte come suola:
quelle con il cuoio, quelle con la BUFALINA (specie di camoscio che il calzolaio vi può incollare sulla suola purché liscia) e quelle molto consumate!
Molti usano delle semplici sneakers, di diverse marche, ma più o meno lo stesso modello, che vedete sotto; anche queste meglio se hanno la suola ben consumata o la bufalina attaccata sotto.
In particolare le KEDS (sembra indossate dagli stessi Lindy Hoppers originali) sono le più conosciute. Io mi trovo bene anche con L…

BoogieWoogie versus Rockabilly: il sorpasso

Lombardia  anni Cinquanta, arriva il  boogie woogie: il ballo simbolo, che dallo swing delle grandi orchestre, al rhythm and blues, al country approda al rock and roll e finisce (ahimé) sui ritmi anni Settanta.
Emilia anni Novanta, arriva il  rockabilly, una cultura che nasce nel sud, si ricolloca nel nord e fissa un unico denominatore comune: la musica.
Il ballo, il jive c'è ma è marginale. Arriva dopo.

Storie diverse che io leggo così: nel boogie vedo una generazione antica, nel rockabilly una generazione vintage. La differenza è questa sacca temporale che anima i "revival": se c'è il fenomeno diventa "cool", si arricchisce dell'impossibile.

"Al pari di New Orleans anche Menphis è terribilmente offuscata da miti e leggende. I visitatori arrivano da tutto il mondo in cerca di qualcosa che non c'è più.[...] Dal ciuffo perfettamente impomatato, all'accendino Zippo e alla sigaretta dietro all'orecchio, il giapponese è affascinato e soggiogato…

SHIM SHAM

Per chi si affacciasse ora sul piccolo grande modo degli swingers, un piccolo riassunto su una coreografia importante: lo shim sham.



Lo shim sham è un ballo in linea che ci riporta alla radici del ballo swing. Infatti sembra che lo Shimmy fosse una danza del 1920, che assomigliava alla Rumba spagnola, dove ci si muoveva come avendo della gelatina sotto i piedi. Fu reso popolare da Gilda Grey che lo ballò nel 1922 nelle Ziegfield Follies di Brodway.

Proveniva dai Vaudeville, cioè dagli spettacoli teatrali di “varietà” urbani dei primi del 900; in queste occasioni veniva ballato associando diverse sequenze, ma senza ordine predefinito.

Fu merito di Willie Bryant e Leonard Reed, ballerini di Tap Dance, che lo adattarono a uno spettacolo verso la fine del 1900 e crearono la forma coreografica che esiste tutt’ora.. Inizialmente lo Shim Sham poteva essere ballato da solo o in coppia, e quando si faceva in gruppo i ballerini erano uniti per le braccia.

Essendo una coreografia di Tap Dance, venn…